«La nostra sfida per il territorio»

Camera di commercio: ieri la presentazione della nuova giunta e del presidente Stefano Visconti

SASSARI. «Che cosa è la Camera di commercio? È un posto dove si fa buona burocrazia, dove le pratiche vengono evase anche prima della scadenza dei termini di legge e si lavora di squadra». Una squadra che Stefano Visconti, nuovo presidente della Camera di Commercio, ha voluto presentare ufficialmente ieri mattina nella prima apparizione ufficiale dopo le elezioni che hanno segnato il totale rinnovo dei quadri dirigenziali. Nuovo presidente, nuova giunta, nuovo consiglio. L’intera “governance” rinnovata che si prepara ad affrontare la difficile sfida del fare impresa ai tempi del covid. «Non ci sarà un presidente che taglierà ogni nastro – ha aggiunto Visconti – ma una squadra che lavorerà secondo le sue competenze». «La nuova giunta camerale è composta da persone che hanno l’entusiasmo giusto per portare avanti il progetto presentato al momento delle elezioni» ha sottolineato il segretario generale Pietro Esposito, che ha già in agenda per domani il primo appuntamento del consiglio camerale «a dimostrazione che qui si va veramente spediti».

Eletta una settimana fa all’unanimità (come lo stesso Stefano Visconti a fine agosto), la nuova giunta camerale è comparsa ieri mattina al completo nella sede di via Roma: Maria Amelia Lai (espressione di Confartigianato e presidente uscente di Promocamera) che avrà il ruolo di vicepresidente, Giovanni Conoci (Confindustria), Paolo Murenu (Confcommercio), Matteo Luridiana (Confagricoltura) e Benedetto Fois (Cna Gallura). Il consiglio camerale, con diciannove membri, è invece il seguente: per il settore Agricoltura Ermanno Mazzetti e Matteo Antonio, per l'Artigianato Maria Amelia Lai e Benedetto Fois, per l'Industria Giovanni Salvatore Conoci e Francesco Maria Carboni, per il Commercio Paolo Murenu, Giuseppina Mura e Massimo Cadeddu, per le Cooperative Gavino Soggia, per il Turismo Stefano Visconti e Gavina Braccu, per i Trasporti Achille Carlini, per il Credito e le Assicurazioni Mario Bruno, per i Servizi alle imprese Alessandro Cossu e Piergiuseppe Canu, per i sindacati Giuseppe Maccioccu, per le associazioni dei consumatori Salvatore Fois, per i liberi professionisti Ernesto Usai.

Il loro lavoro si indirizzerà sulle linee programmatiche già presentate da Visconti il giorno dell’elezione e votate da tutti i presenti: formazione e cultura d'impresa; crisi d'impresa, tutela del credito, conciliazione; ambiente ed energia; economia turistica e internalizzazione dei mercati turistici; competizione delle aziende locali sui mercati nazionale e internazionale; valorizzazione del comparto della nautica da diporto; innovazione hi-tech, motore di crescita per tutti i settori; sviluppo sostenibile; valorizzazione del settore eventi; temi di interesse strategico comune; sviluppo rurale e territoriale; sportello pubblica amministrazione; rete di reti per il turismo e la rigenerazione urbana. Un progetto con dieci anni di percorrenza davanti a sè (2020-2030 è scritto nel programma) e modulato a seconda delle esigenze dei singoli comparti e delle singole aziende. Quest’ultimo è un universo «che va dalle piccole realtà che troviamo se parliamo di rigenerazione urbana a quelle più grandi della nautica da diporto – ha specificato il presidente –. Il nostro programma è strutturato in modo tale da potersi calare in tutte le realtà, anche perché l’eterogeneità dei nostri iscritti è una risorsa, non un freno: sta a noi fare in modo che qualcuno non rimanga indietro e diventi una zavorra».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes