Sassari, tour virtuale nella sede del Banco di Sardegna

Gli studenti del Liceo “Figari” hanno realizzato un video per accompagnare i visitatori nel palazzo

SASSARI. L’invito a palazzo quest’anno non ci sarà ma chi è interessato a visitare l’affascinante sede del Banco di Sardegna potrà egualmente farlo in maniera virtuale. Godendo, come sempre, della guida e delle spiegazioni dei ragazzi del Liceo artistico “Filippo Figari”, che non si sono buttati troppo giù dalle restrizioni imposte delle norma anti coronavirus e hanno accettato l’invito a realizzare un viaggio virtuale da diffondere sul web. Un invito che aveva il sapore di una sfida, lanciata per di più in piena estate: era la fine di luglio quando i dirigenti del Banco e dell’istituto scolastico si sono confrontati e, davanti all’impossibilità evidente di riprogrammare la tradizionale giornata di ottobre, hanno pensato che la soluzione poteva essere quella di realizzare un video da diffondere poi sul web.

Sassari, tour virtuale nella sede del Banco di Sardegna



Un lavoro molto più complesso di quello tradizionale, perché alle “guide” si chiedeva oltre all’approfondita conoscenza della materia, anche la capacità di esibirla davanti a una telecamera e non a contatto diretto con le persone. In più, il “Figari” ha dovuto necessariamente ampliare il suo gruppo di lavoro perché non ha fornito soltanto i ragazzi che accompagnano i visitatori ma ha anche dovuto realizzare il prodotto utilizzando anche il laboratorio audiovisivo. Sfida accettata e vinta con grande entusiasmo perché tutti, nonostante le vacanze in corso, hanno risposto alla chiamata. «Sarebbe stato un peccato interrompere questa collaborazione che abbiamo avviato con grande soddisfazione nel 2016 – sottolinea il direttore generale del Banco di Sardegna, Giuseppe Cuccurese –. Quattro anni fa avevamo organizzato una mostra nella sala Siglienti e avevamo subito capito che potevamo stringere un rapporto proficuo, andato avanti poi con le altre iniziative. In questi appuntamenti si intrecciano molteplici aspetti, i ragazzi studiano a fondo gli artisti autori delle opere che poi i visitatori ammirano nelle nostre sale e vanno a ricoprire un ruolo che solitamente viene affidato ai dipendenti e per loro è anche una parte del percorso di formazione. Quest’anno ci siamo resi conto molto presto che non avremmo potuto aprire le nostre porte ai visitatori, così abbiamo cercato un modo per non interrompere questo percorso. Abbiamo parlato coi docenti e col dirigente Mariano Muggianu e siamo riusciti a trovare questa soluzione. Devo dire che i ragazzi sono stati bravissimi, non era per niente facile e anzi mi sento di dire che il risultato finale è andato ben oltre le aspettative». Tanto che Cuccurese conferma già da ora l’appuntamento del 2021: «Squadra vincente non si cambia – dice – anche perché ci siamo resi conto che i visitatori apprezzano molto il fatto di essere accompagnati nelle stanze da alcuni ragazzi molto preparati invece che da qualche dipendente».

Soddisfatto di questa iniziativa anche il dirigente del Liceo Figari: «Sono orgoglioso del lavoro che hanno fatto i ragazzi – dice Mariano Muggianu – e faccio i complimenti anche ai docenti che sono stati bravissimi a preparare i loro studenti. Colgo l’occasione anche per ringraziare il Banco di Sardegna, in particolare il direttore generale Giuseppe Cuccurese, per questa collaborazione che va avanti da anni e si sta rivelando un’esperienza interessante oltre che un momento formativo importante».

Il video sarà diffuso sia dal Banco di Sardegna, anche tramite il sito dell’Abi (l’Associazione bancaria italiana che organizza la manifestazione “Invito a palazzo”), sia dal Liceo artistico Figari che lo renderà presto disponibile sul proprio sito web.

Argomento da approfondire in classe nell’ambito del progetto La Nuova@Scuola
 

WsStaticBoxes WsStaticBoxes