Bultei, mistero sull’incendio nella casa

Testimoni avevano visto entrare un 58enne che la usa saltuariamente. L’uomo è poi sparito: indagano i carabinieri

BULTEI. Ci sono diverse cose da chiarire sull’incendio che martedì notte ha distrutto quasi completamente una casa nel centro storico di Bultei. E solo l’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Bono ha evitato l’esplosione delle bombole di gas (ben tre) che si trovavano all’interno della palazzina. Solo qualche minuto e le conseguenze avrebbero potuto essere drammatiche anche per le persone che abitano nelle immediate adiacenze della casa di via Luzzatti.

I carabinieri della stazionedi Bultei e della compagnia di Bono stanno cercando di ricostruire l’accaduto, anche dopo che dagli accertamenti tecnici è emerso che una delle bombole di gas era aperta. E questo lascia pensare che sia stata utilizzata da qualcuno che poi è andato via senza rendersi minimamente conto del pericolo creato. Nell’abitazione - che è priva di energia elettrica e altre utenze - saltuariamente trova riparo un 58enne di Bultei, che vive solo. La casa appartiene a una sua parente che gliel’ha messa a disposizione, anche se spesso l’uomo vive in una casa di campagna. Martedì l’uomo è stato visto entrare in casa, poco più tardi è scoppiato l’incendio e sono stati i vicini di casa a dare l’allarme. Una richiesta tempestiva che sicuramente ha scongiurato una possibile tragedia. I vigili del fuoco che sono arrivati sul posto insieme ai carabinieri e alla Protezione civile hanno dovuto stendere le manichette per arrivare fino all’incendio dove i mezzi non avevano purtroppo accesso. Le operazioni di spegnimento sono andate avanti per diverse ore e quando i componenti della squadra sono riusciti a entrare nell’abitazione (quasi completamente distrutta) hanno accertato che all’interno non c’era nessuno. E per fortuna perchè in quelle condizioni sarebbe stato impossibile sopravvivere.

Il 58enne è stato cercato a lungo in paese per tutta la notte e anche nel luogo dove solitamente viene segnalato in campagna ma non è stato trovato. Anche se poi alcuni paesani avrebbero dichiarato di averlo visto in paese nel corso della mattinata di ieri. I carabinieri però non lo hanno intercettato e nelle prossime ore cercheranno di rintracciarlo per capire se il 58enne era in casa quando è scoppiato l’incendio e se può avere qualche responsabilità nel rogo che poteva avere gravi conseguenze per le persone.

Al momento la casa è stata dichiarata inagibile e sono ancora in corso gli accertamenti tecnici. Proseguono intanto le indagini per stabilire se si sia trattato di un incendio accidentale o doloso.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes