«Una campagna per sensibilizzare i proprietari di animali»

SASSARI. «Bisogna partire dall’educazione delle persone, con una campagna di sensibilizzazione, magari intensificando i controlli su chi viola le regole, oppure istituendo una tassa sui padroni di...

SASSARI. «Bisogna partire dall’educazione delle persone, con una campagna di sensibilizzazione, magari intensificando i controlli su chi viola le regole, oppure istituendo una tassa sui padroni di cani. Perché ormai, qui, è diventato uno sconcio». Giuseppe Giannoni, consulente turistico alberghiero e analista marketing territoriale, nella sua via Napoli, dove sui marciapiedi giocava da bambino («Bei tempi, allora si poteva») e dove ha conservato la casa di famiglia, è tornato dopo aver trascorso oltre vent’anni ad Assisi per lavoro. Il salto dall’Umbria a Sassari è stato uno choc. «Non immaginavo, ma non voglio arrendermi perché sono convinto che si può ridare dignità a questa strada, ma anche perché ho due figli piccoli e non voglio che abbiano questa immagine della loro città – afferma –. Mi ha stupito mia figlia che sulle deiezioni canine ha fatto pure un disegno e me lo ha fatto vedere dicendomi: “Ecco, papà, oggi ne ho contato undici, di fronte a casa”. In altre città si sta facendo azione di sensibilizzazione tra i padroni di animali domestici, ad esempio nella vicina Alghero, è un dovere civico rispettare le norme. Anche per la professione che svolgo sono sensibile ai problemi di decoro. Come possiamo rendere Sassari appetibile ai turisti se non la teniamo pulita?».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes