sassari
cronaca

Sassari, colpo alla gioielleria Meucci: la Procura chiede due anni e 8 mesi per la coppia di rapinatori

La sentenza per i due giovani è prevista per fine gennaio


14 dicembre 2020


SASSARI. Era stato un colpo progettato malissimo e finito ancora peggio. L’idea di Maurizio Castangia e Federica Romano, lui di Cabras e lei di Sassari – entrambi di 25 anni – era quella di entrare nella gioielleria Meucci al corso Vittorio Emanuele a volto scoperto, fingersi clienti e convincere la titolare del negozio di voler acquistare dei bracciali d’oro.

Poi, sperando nella distrazione della gioielliera, trafugare il maggior numero di preziosi possibile e fuggire velocemente con la refurtiva. A fine febbraio dello scorso anno, poco prima dell’ora di pranzo, il colpo era però andato malissimo. La titolare del negozio di preziosi e un cliente che era con lei, capite le intenzioni dei due avevano provato a fermarli. C’era stata una breve colluttazione, poi la fuga disperata per i vicoli del centro. Poco dopo per la giovane erano scattale le manette, il suo complice era stato fermato qualche ora dopo. I giorni scorsi il pm Lara Senatore ha chiesto la condanna a due anni, dieci mesi e venti giorni di reclusione per lei e a due anni e otto mesi di reclusione per lui. La sentenza per i due giovani difesi dall’avvocato Piergiovanni Arru, è prevista per fine gennaio.



Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.