Covid, Sassari: fila di 100 persone e ritardi di due ore nell'hub per le vaccinazioni

Lamentele e foto sui social per il disagio nell'area fieristica di Promocamera dove la Assl ha avviato le somministrazioni

SASSARI. Nel giorno in cui l'Assl di Sassari annuncia che la campagna vaccinale si estende agli under 80 non fragili, cui domani 8 aprile sarà somministrato l'AstraZeneca, l'hub allestito nell'area fieristica di Promocamera registra ritardi, disagi e proteste. Nel corso della mattinata si sono moltiplicate le denunce pubbliche, tra post sui più diffusi social network e segnalazioni agli organi di informazione, di persone costrette aa una lunga attesa fuori dalla struttura, all'aperto. Tra orario della prenotazione ed effettiva vaccinazione c'è stato uno scarto di circa due ore, col risultato che assicurare distanziamento e file ordinate è sempre più complicato.

Cosa abbia prodotto l'impasse all'interno di una macchina ormai rodata e che sino a oggi aveva dato dimostrazione di grande efficienza, è difficile da stabilire. I ritardi potrebbero essere connessi all'aumento delle persone convocate, anche se all'incremento del numero giornaliero di vaccinazioni programmate è corrisposto analogo incremento delle postazioni vaccinali.

Nel primissimo pomeriggio le testimonianze dirette di chi attende il vaccino attestano la presenza in sala d'attesa di almeno 100 persone in fila: è un dato mai registrato dall'apertura dell'hub. In ogni caso l'azienda sanitaria fa sapere che l'intera giornata di domani sarà dedicata ai cittadini non fragili nati nel 1942 e 1943, residenti e domiciliati nel Comune di Sassari, ai quali sarà somministrata la prima dose del vaccino AstraZeneca.

Si parte dalle 9 alle 11 per i nati tra gennaio e marzo 1942, dalle 11 alle 12 i nati tra aprile e giugno 1942, dalle 12 alle 13 i nati tra luglio e settembre 1942, dalle 13 alle 14 i nati tra ottobre e dicembre 1942, dalle 14 alle 16 i nati tra gennaio e marzo 1943, dalle 16 alle 17 i nati tra aprile e giugno 1943, dalle 17 alle 18 i nati tra luglio e settembre 1943, dalle 18 alle 19 i nati tra ottobre e dicembre 1943. Anche alla luce di quanto sta succedendo oggi e per evitare attese o assembramenti, l'Assl di Sassari chiede «a tutti i cittadini appartenenti a questa specifica categoria di rispettare gli orari indicati». (Ansa).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes