Nei tre giorni di festa solo 12 sanzioni

Dai controlli della polizia locale è emerso un serio rispetto delle norme anti-Covid

SASSARI. Un rispetto rigoroso e serio delle norme anti-Covid nel fine settimana di Pasqua. È quanto è emerso dai controlli compiuti tra sabato e lunedì di Pasquetta in tutto il territorio del comune di Sassari da parte della polizia locale.

In questi giorni di festa, in cui tutta Italia era in zona rossa, gli agenti del comando di via Carlo Felice sono stati impegnati in posti di controllo all’ingresso e all’uscita della città e nel pattugliamento di tutti gli arenili sassaresi e delle zone che, fino all’arrivo del coronavirus, erano tradizionalmente prese d’assalto dalle famiglie per Pasqua e Pasquetta.

La domenica e il lunedì dell’Angelo hanno visto gli uomini del comando impegnati nelle zone costiere del comune, come Platamona, Porto Palmas, l’Argentiera e Porto Ferro. Il risultato dell’attività è stato soddisfacente, considerato che erano deserte le spiagge, così come deserte erano le strade e le piazze sassaresi. Ancora una volta, quindi, proprio come un anno fa l’atmosfera in città è stata caratterizzata da un silenzio surreale.

Nei tre giorni sono state pochissime le sanzioni comminate: soltanto dodici. Anche le attività, che hanno scelto per la gran parte di rimanere chiuse, sono tutte risultate in regola. Le poche segnalazioni arrivate alla centrale operativa sono risultate infondate dopo gli accertamenti eseguiti.

Sassari ancora una volta si è confermata in sostanza una comunità che, unita e con forte senso del dovere, ha rispettato le norme imposte per tentare di limitare il diffondersi del virus. Un esempio di responsabilità e di rispetto verso se stessi in primis ma anche verso gli altri cittadini.



WsStaticBoxes WsStaticBoxes