Sport e Covid, dal Centro Lares di Ozieri un aiuto antistress

OZIERI. Non si fermano le attività del Servizio promozione In-Dipendenze del Centro per la famiglia Lares in collaborazione con il Ser.D di Ozieri e nonostante i problemi legati alle restrizioni...

OZIERI. Non si fermano le attività del Servizio promozione In-Dipendenze del Centro per la famiglia Lares in collaborazione con il Ser.D di Ozieri e nonostante i problemi legati alle restrizioni causate dalla pandemia le operatrici stanno cercando di tenere viva l’attenzione sui temi della prevenzione e promozione del benessere psico-fisico. Alla fine dello scorso anno era stata lanciata l’iniziativa #iononmifermo con un questionario su Sport e Lockdown sottoposto ad allenatori, allenatrici e sportivi, teso a delineare un quadro sull’impatto che chiusure e divieti hanno avuto sulla vita quotidiana e sull’attività motoria.

Il progetto si è sviluppato adesso con una nuova fase che prevede delle brevi interviste agli sportivi o dirigenti delle società del territorio, ancora una volta messi a dura prova dall’emergenza sanitaria.

Nelle piattaforme social del Centro Lares, sul canale YouTube e sul sito www.centrofamiglialares.it sono state pubblicate le prime due interviste ad Aura Sotgiu Drimba, istruttrice di pilates e a Nicola Demontis, in rappresentanza della società di pallavolo locale. «L’intento del Servizio è principalmente quello di restare in ascolto, di supportare gli sportivi e di tenere viva, in questo momento più che mai, la collaborazione già attivata da tempo con il mondo dello sport – hanno detto le operatrici –. Riteniamo sia importante, infatti, dare voce alle emozioni, ai pensieri ed alle resilienze attivate in questa pesante situazione». In ogni singolo contributo fornito dagli intervistati, si potranno cogliere le diverse modalità per fronteggiare lo stress, nonché i diversi, e tutti validi, punti di vista nei quali ciascuno può identificarsi o dai quali prendere spunto per non abbattersi, orientandosi positivamente al futuro. «Ringraziamo gli sportivi che hanno voluto condividere la loro testimonianza collaborando, così, attivamente, a questa azione di sensibilizzazione e supporto nella comunità».

Francesco Squintu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes