Sfugge al violentatore e riesce a farlo arrestare

La donna aveva accettato l’invito a entrare in casa e bere un bicchiere di vino Il 49enne sassarese si era denudato, l’aveva picchiata e palpeggiata

SASSARI. Lei aveva presentato denuncia negli uffici della compagnia dei carabinieri di Porto Torres (anche perchè vive in uno dei centri dell’hinterland che ricadono nel territorio di competenza dei militari della caserma turritana). E gli investigatori guidati dal capitano Danilo Vinciguerra - a conclusione dell’attività - hanno arrestato un pregiudicato 49enne di Sassari, ritenuto responsabile di violenza sessuale nei confronti di una donna del circondario.

I carabinieri ieri all’alba hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Sassari su richiesta del pubblico ministero titolare delle indagini. L’attività investigativa era stata avviata subito dopo la denuncia della vittima presentata alla stazione dei carabinieri.

Dagli accertamenti svolti dai militari della compagnia di Porto Torres, è emerso che l’indagato - con il pretesto di offrire un bicchiere di vino alla donna - l’avrebbe prima convinta a entrare nella sua abitazione e poi avrebbe tentato con insistenza di aver un rapporto sessuale non consenziente. Nonostante il rifiuto della donna, l’aggressore avrebbe proseguito con un atteggiamento sempre più aggressivo e si sarebbe comunque denudato davanti a lei e l’avrebbe palpeggiata nelle parti intime. Il 49enne non si sarebbe fermato nonostante le urla disperate della donna e anzi avrebbe cominciato a colpirla più volte al viso per poi scaraventarla sul divano.

Con la forza della disperazione, la vittima era riuscita però a divincolarsi e a uscire dall’appartamento per poi correre per strada e cercare aiuto. Poco dopo si era presentata dai carabinieri per raccontare l’accaduto e formalizzare la denuncia nei confronti dell’uomo.

Le indagini - considerata anche la gravità del reato - erano scattate immediatamente e gli investigatori avevano raccolto elementi utili per risalire all’autore della violenza (anche grazie alle indicazioni fornite dalla donna). Il rapporto è stato poi trasmesso al magistrato che - dopo avere valutato la situazione - ha richiesto la misura cautelare e l’ordinanza è stata emessa dal Gip ed eseguita ieri nelle prime ore del mattino.

L’arrestato - dopo le formalità di rito - è stato trasferito nel carcere di Bancali a disposizione dell’autorità giudiziaria che si occupa della vicenda.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes