Covid, attivisti in piazza a Sassari sfidano il coprifuoco

«Non siamo negazionisti, ma facciamo un appello per preparare la ripartenza»

SASSARI. «In 14 mesi la classe politica regionale e statale non ha messo un euro per sanità, scuola e trasporti pubblici, continuando a scaricare la responsabilità dell'emergenza su persone e attività che non ne hanno». È il motivo che ha spinto numerosi sassaresi a rispondere all'appello dell'associazione «Sa Domo de totus», partecipando ieri sera a «No coprifuoco + sanità pubblica», manifestazione statica inscenata in piazza Castello. I manifestanti hanno violato il coprifuoco «in maniera pubblica, politica e responsabile, mantenendo le distanze, indossando le mascherine e senza essere in alcun modo riconducibili a posizioni negazioniste», come precisano i promotori, compresi medici e insegnanti oltre a esercenti e rappresentanti di altre categorie colpite duramente dalle restrizioni per prevenire i contagi.

«Ci si appresta a usare i 200 miliardi del Pnrr per opere di dubbia utilità, che non toccheranno nemmeno di striscio la Sardegna - denunciano - ma non sono stati fatti interventi per rendere efficienti scuole, ospedali e mezzi di trasporto, fondamentali per il ritorno alla normalità». Col sit-in proseguito sino alle 22.20 si è voluto denunciare «l'insensatezza non solo del coprifuoco, ma di diverse scelte governative. Perché produrre latte in polvere a Bergamo è essenziale mentre fare musica, cinema o teatro in Sardegna no?», è la domanda per le istituzioni. «La Regione, dopo la gestione disastrosa della pandemia e scandali di ogni tipo, non sbatte i pugni sul tavolo del governo e non fa rispettare i diritti dei sardi, ma vara un Disegno di legge per l'assunzione di 60 persone tra cerimonieri, assistenti e dirigenti per 6milioni di euro annui - concludono - è uno schiaffo a chi ha perso il lavoro, a chi si trova forzatamente fermo e a chi il lavoro non l'ha mai avuto». (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes