Ambulanza del 118 rubata mentre è in atto il soccorso

Furto ad Alghero: gli operatori erano intervenuti per un uomo colpito da ictus Il mezzo è stato ritrovato più tardi a Sassari nella zona della Buddi Buddi

SASSARI. Hanno rubato l’ambulanza medicalizzata del 118 in sosta sotto casa di un uomo colpito da ictus e rischiato di mettere a repentaglio la vita di una persona per la quale in quel momento era in atto il massimo dell’impegno da parte degli operatori sanitari. Solo la rapidità di decisione di chi in quella fase dirigeva la centrale operativa del soccorso ha consentito di sopperire all’incredibile imprevisto con l’attivazione immediata di un altro mezzo, tanto che l’attività non ne ha risentito e il paziente è stato trasportato nei tempi dovuti all’ospedale civile per ricevere le cure necessarie.

Resta la gravità del fatto che si è verificato giovedì notte, intorno alle 23, ad Alghero, in Largo Era nella zona di Sant’Agostino. Appena si sono resi conto che l’ambulanza era sparita, i componenti dell’equipaggio hanno dato immediata comunicazione alla centrale e sono state avvertite le forze dell’ordine. L’ambulanza è stata ritrovata alcune ore più tardi (poco prima delle 3 del mattino) nella zona della Buddi Buddi, parcheggiata in una strdina e seminascosta dalla vegetazione. Probabilmente chi l’ha rubata aveva in programma di tornare con calma per portare via strumentazioni e materiali in dotazione al mezzo di soccorso. Roba da rivendere nel mercato clandestino. Secondo le prime valutazioni, dall’ambulanza mancava solo una borsa contenente dei farmaci.

L’ambulanza rubata dal ladro era stata presa a noleggio ed era dotata del sistema di rilevamento con il Gps, quindi facile da localizzare con assoluta precisione in qualunque momento. Per questo - una volta intercettato il segnale - è stato possibile tracciare con il satellitare il percorso e individuare il luogo esatto dove era stata trasferita. Una pattuglia delle forze dell’ordine è arrivata sulla Buddi Buddi seguendo le indicazioni rilevate grazie al Gps (che per fortuna non è stato disattivato) e l’ambulanza era proprio lì.

Le indagini procedono ora per identificare l’autore del furto, grazie anche alle impronte rilevate e alla disponibilità delle immagini di alcune telecamere. Il fatto che il mezzo di soccorso sia stato sistemato da quelle parti non esclude che il ladro avesse buona conoscenza della zona.

Non è la prima volta che si verifica un fatto del genere ad Alghero: qualche anno fa un’altra ambulanza era stata rubata - più o meno con le stesse modalità - e ritrovata successivamente nella zona di Bosa. (g.baz)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes