Movida senza controllo: sgomberate tre piazze a Sassari

I militari hanno effettuato controlli a sorpresa generando un fuggi-fuggi generale. Denunciati due diciannovenni scappati dopo aver insultato gli uomini in divisa  

SASSARI. Quando sulle note della “Canzone del sole” di Lucio Battisti, in piazza Tola sono comparse le divise dei carabinieri e chitarra e bonghetto hanno smesso finalmente di suonare, l’applauso - liberatorio - è arrivato dalle finestre.

Una vera ovazione da parte di chi frastornato da un’interminabile “Mare nero mare nero mare nè”, per ore aveva dovuto rinunciare a dormire e ripassare tutta la discografia dei cantautori italiani, intervallata da cori da stadio e grida sguaiate.

Per cogliere di sorpresa e tentare di identificare le decine di giovani che sabato notte avevano organizzato dei concerti itineranti e alcolici tra piazza d’Italia, piazza Santa Caterina e piazza Tola, i carabinieri della compagnia di Sassari hanno deciso di muoversi a piedi.

Dopo le decine di segnalazioni dei giorni scorsi e l’appello a maggiore sorveglianza da parte del “Comitato centro storico” i militari hanno predisposto un servizio coordinato finalizzato proprio al contrasto dei reati commessi in centro storico e al monitoraggio dei fenomeni in crescita di vandalismo giovanile dovuti all’abuso di alcol. Un problema che con l’istituzione della zona bianca, l’arrivo improvviso dell’estate e la conclusione dell’anno scolastico è diventato improvvisamente un’emergenza.

Sabato notte i carabinieri hanno organizzato un consistente servizio di pattugliamento a piedi, supportato da alcune pattuglie in auto. Una scelta che ha consentito ai militari, guidati dal capitano Giuseppe Sepe, di penetrare a fondo nei vicoli e nelle piazze del centro storico, in parte non percorribili dalle auto. L’arrivo improvviso di otto carabinieri a piedi nelle piazze prese d’assalto da decine e decine di giovani ha sortito i risultati desiderati. Alla vista dei militari le piazze si sono immediatamente svuotate in pochi minuti, tra il sollievo generale dei residenti, sfiniti dalla musica a tutto volume. È in quel momento che in tanti si sono affacciati ai balconi per ringraziare i carabinieri. Non sono mancati anche alcuni momenti di tensione, culminati in un inseguimento nei vicoli del centro. Alla vista dei carabinieri due diciannovenni ubriachi hanno urlato frasi ingiuriose contro i militari dell’Arma, registrando l’impresa con gli smartphone prima di darsi poi alla fuga. Raggiunti dopo alcuni minuti di inseguimento, sono stati denunciati a piede libero per ubriachezza. Sono stati poi contattati i genitori di alcuni minorenni trovati in giro durante la notte. Nel corso del servizio sono state identificate 87 persone e sono stati controllati 28 veicoli.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes