Hub vaccinale, arrivano 150mila euro dalla Regione

Ozieri. Serviranno a rimettere in sesto il padiglione danneggiato da un nubifragio Garantito lo svolgimento della edizione speciale della Fiera il prossimo ottobre

OZIERI. Saranno ristrutturate con 150mila euro provenienti da un fondo speciale della Regione le strutture della fiera di San Nicola danneggiate dal nubifragio abbattutosi su Ozieri, e in particolare in quel quartiere, il 6 giugno. I lavori inizieranno nel giro di pochi giorni, anche perché per l’11 ottobre è prevista un’edizione speciale della Fiera di Ozieri.

Il finanziamento è giunto al Comune di Ozieri nei giorni scorsi, ricevuto con una delibera della giunta comunale, ed stato stanziato da una deliberazione della giunta regionale del 21 luglio che ha approvato un programma di spesa per «opere di prevenzione relative a materie già di competenza dello Stato» che prevedono, tra le altre cose, «interventi urgenti di ripristino di opere pubbliche a seguito di eccezionali avversità atmosferiche» al fine di risolvere situazioni «di disservizio indifferibili e/o di pericolo per la pubblica incolumità». Il fondo per Ozieri è stato stanziato in via definitiva dopo la convenzione firmata dal Comune il 6 agosto, e arriva in risposta allo stato di calamità naturale che la giunta comunale aveva deliberato a pochi giorni dall’alluvione, il 10 giugno. Grazie a questo stanziamento straordinario potranno essere eseguiti i lavori necessari, che riguardano «il ripristino della copertura dell’Hub vaccinale nonché il rifacimento della struttura in acciaio e muratura eretta sopra il “palco di premiazione” al centro del polo fieristico». Queste due strutture, come si ricorderà, erano state tra le più colpite dall’alluvione del 6 giugno, che aveva riguardato numerosi altri punti del quartiere (e non solo) tra cui le palazzine di edilizia residenziale pubblica di Area; una di esse, in particolare, aveva riportato ingenti danni alle coperture e vi si erano verificati crolli che avevano reso necessaria la chiusura della strada al passaggio di pedoni e automobili. Se su quegli edifici è stata Area a provvedere ai lavori, e se altri danni in abitazioni e terreni privati sono stati rimediati dai proprietari (magari con il contributo delle assicurazioni), per il polo fieristico era stato chiaro da subito che sarebbe stato necessario un intervento dall’alto.

In prima battuta era stato il Comune a provvedere, con la messa in sicurezza dell’Hub vaccinale effettuata con urgenza per non bloccarne le attività (che infatti erano riprese immediatamente), ma si è trattato di un intervento tampone che non poteva restare definitivo. La richiesta, a stretto giro, dello stato di calamità naturale (accompagnata alla segnalazione di un possibile rischio per l’erogazione di un servizio così importante), ha accelerato le procedure, e ora il Comune ha a disposizione un fondo importante per procedere alla messa in sicurezza definitiva del padiglione rosa del quartiere fieristico: polo centrale per la sanità sia in questo preciso momento storico sia in tempi normali, ospitando la sede del servizio veterinario e la farmacia territoriale del distretto sanitario di Ozieri, e riuscirà anche a riparare i danni subiti dal palco premiazioni, il fulcro del quartiere fieristico che ospita i momenti clou della fiera.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes