«Medici trasferiti a Ittiri per restare in zona bianca»

Durissimi i sindacati sulla chiusura della Lungodegenza di Ittiri che è costata la “deportazione” dei pazienti, alcuni gravissimi e allettati, con le famiglie disperate che si sono dovute accollare...

Durissimi i sindacati sulla chiusura della Lungodegenza di Ittiri che è costata la “deportazione” dei pazienti, alcuni gravissimi e allettati, con le famiglie disperate che si sono dovute accollare la soluzione della situazione. « Si è scelto di chiudere un pezzo di sanità territoriale, nel tentativo di recuperare e trasferire il personale sanitario personale e da assegnare all'unità Covid dell'ospedale Marino di Alghero e consentire alla Sardegna di rimanere in zona bianca – affermano le segreterie della Funzione pubblica –. Questo ha però comportato il gravissimo disagio del trasferimento dei pazienti alla lungodegenza di Ghilarza costringendo i parenti a percorrere centinaia di chilometri per le visite, Crediamo che forse era ed è possibile trovare altre soluzioni per risolvere il problema». Cgil, Cisl e Uil si interrogano anche sulla regolarità dei “trasferimenti” del personale medico da Alghero verso altre destinazioni. «Li riteniamo contrattualmente e giuridicamente viziati e carenti e fatti senza tener conto dei vincoli contrattuali, in qualche caso senza neanche notificare gli ordini di servizio. Ci siamo espressi nelle sedi opportune e pretendiamo risposte da chi è deputato a darle; inoltre non crediamo opportuno che si assumano atteggiamenti, adottando ordini di servizio che, ci sembra, abbiano come unico risultato quello di far scappare i professionisti della sanità verso altri ospedali, spesso di altre regioni o territori».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes