Sequestrate le armi a un cacciatore

L’uomo aveva abbattuto un esemplare protetto di lepre sarda 

OZIERI. Controlli serrati in queste prime giornate della stagione venatoria da parte della Stazione Forestale di Ozieri, competente per i territori di Ardara, Ittireddu, Mores, Nughedu San Nicolò e appunto Ozieri, con il coordinamento del servizio territoriale di Sassari. Domenica scorsa, nel corso dei controlli effettuati nelle campagne di Ozieri, le guardie forestali hanno segnalato un cacciatore al quale non solo sono state accertate numerose violazioni amministrative «relative – spiegano gli esecutori del provvedimento – alle attività venatorie e alla documentazione necessaria per poter svolgere l’attività di caccia», ma al quale è stato anche contestato (e accertato) l’abbattimento di un esemplare di lepre sarda, specie della quale è vietata la caccia, peraltro al momento non contemplata – almeno sino a nuove comunicazioni – tra le specie cacciabili in questa stagione 2021/2022.

Per l’uomo pizzicato dalle guardie forestali è scattato il sequestro penale delle armi, delle munizioni e della lepre abbattuta, con la conseguente comunicazione alla Procura della Repubblica per quanto di competenza. L’incauto cacciatore rischia adesso una sanzione a suo carico salatissima, con un esborso che potrebbe andare dai 500 ai 1.500 euro. Ma, come si è detto, a decidere sarà un provvedimento della Procura della Repubblica. (b.m.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes