Un ultraleggero si è ribaltato in pista

Il Cessna 172 era fermo a Fertilia. Soccorsi in mare anche per la Guardia costiera

ALGHERO. Le forti raffiche di scirocco si sono fatte sentire anche ad Alghero dove si sono registrati numerosi danni in diverse zone. L’episodio più eclatante all’aeroporto «Riviera del corallo» dove un ultraleggero fermo in pista, un Cessna 172, si è rovesciato su se stesso. L’incidente ha causato qualche disagio, tutte le attività – a causa della bufera – sono rimaste ferme per una decina di minuti. Bloccati anche gli sbarchi dei voli provenienti da Bergamo e Memmingen per garantire la sicurezza dei passeggeri. In tutta la città vigili del fuoco, Protezione civile, polizia locale e barracelli hanno dovuto compiere numerosi interventi.

Dura giornata di lavoro anche per la Guardia Costiera. La sala operativa è stata infatti allertata via radio da diverse unità impegnate in una regata velica. Le imbarcazioni, che hanno rischiato di finire sugli scogli, hanno lanciato ripetuti may day in quanto la forza del mare e del vento impediva ai rispettivi comandanti di governare. È stata immediatamente inviata la motovedetta CP 871 il cui equipaggio con grande professionalità è riuscito a portare in acque sicure una delle barche. Nel frattempo Porto Torres Radio comunicava la presenza di un’ulteriore imbarcazione disalberata con a bordo due cittadini austriaci vicino a Porto Ferro. La stessa motovedetta, raggiunta l’unità in difficoltà e accertato il buono stato di salute delle persone, ha proceduto al trasbordo dei diportisti che sono stati trasferiti al porto di Alghero. Il natante è stato recuperato da un altro mezzo navale, una volta verificata l’assenza di danni all’ambiente marino. Il comandante dell’Ufficio circondariale marittimo Giuseppe Tomai ha voluto ringraziare tutti i suoi uomini per la grande professionalità.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes