Accusati di aver spiato i dati di Solinas: 7 funzionari dell'Università di Sassari davanti al giudice

L’intrusione nell’archivio sarebbe avvenuta dopo i servizi del Fatto sulla laurea del presidente

CAGLIARI. L’aver scaricato o consultato i dati sulla carriera universitaria dell’allora studente in giurisprudenza Christian Solinas potrebbe costare una condanna da uno a cinque anni a sette impiegati dell’Ateneo di Sassari, finiti davanti al giudice dell’udienza preliminare Manuela Anzani con l’accusa di accesso abusivo a sistema informatico, reato per la Dda di Cagliari commesso nelle vesti di incaricati di pubblico servizio. L'esplorazione di cui sono accusati gli impiegati fu forse ispirata dalla curiosità, dopo che il Fatto Quotidiano aveva sollevato in alcuni servizi di cronaca dubbi pesanti sulla regolarità del corso di studi sostenuto da Solinas, rilevando anomalie che successivamente l’Università avrebbe chiarito senza diffondere alcun documento, ma al contrario considerando riservato ogni passaggio della carriera universitaria dell’allora candidato alla presidenza della giunta regionale.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

WsStaticBoxes WsStaticBoxes