Farmacie, orari non stop per garantire i tamponi

Ozieri. L’obbligo di green pass per la Fiera dei bovini ha portato un superlavoro A Oschiri test gratuiti grazie a una convenzione tra il Comune e il Mater Olbia

OZIERI. L’effetto green pass obbligatorio si fa sentire anche a Ozieri e nel territorio del distretto, con un aumento del numero dei tamponi effettuati ma anche dei vaccini, con quest’ultimo che, unito all’avvio della somministrazione delle terze dosi, sta impegnando parecchio l’hub vaccinale di San Nicola. Domenica scorsa l’obbligo di green pass per accedere alla Fiera di Ozieri ha portato un superlavoro nell’unica farmacia che in città effettua i tamponi e che per fortuna proprio quel giorno era di turno. Si tratta della farmacia Bogliolo di via Vittorio Emanuele III, che è oltretutto stata la prima in tutta la provincia ad adeguarsi alle indicazioni della circolare del commissario Figliuolo e ha iniziato a effettuare gli antigenici rapidi sin dal 12 luglio al prezzo calmierato di 15 euro. A oggi nella farmacia di Sa Ena sono stati effettuati oltre 800 tamponi, e come riferisce il farmacista Raffaele Bogliolo «le richieste sono continue, e sono di molto aumentate dal 15 ottobre arrivando a 30-40 al giorno».

Una sola farmacia in città, ma nel territorio del distretto pressoché tutte le altre offrono questo servizio: da Nughedu a Pattada, da Ardara a Berchidda, e a Oschiri dove c’è anche un’altra possibilità offerta direttamente dal Comune tramite una convenzione con una cooperativa di servizi e con il Mater Olbia. «Grazie a questo accordo – spiega il sindaco Roberto Carta – a Oschiri si effettuano in forma gratuita tamponi rapidi antigenici e tamponi molecolari per l’intera cittadinanza. Questo servizio – prosegue – ha consentito e consente un controllo ottimale della mappatura dei contagi, favorisce la prevenzione nella diffusione del Covid19 e permette di avere dati in tempo reale anche per le negativizzazioni, fondamentali affinché sia garantito il rientro al lavoro».

Avere a disposizione questo servizio è fondamentale in un territorio dove, come racconta ancora il dottor Bogliolo, «ci sono ancora alcuni che sono spaventati e disorientati, davanti al vaccino. Siamo riusciti a persuadere tanti a vaccinarsi, ma ci sono ancora tante persone irremovibili. Dobbiamo comunque rispettare le motivazioni di tutti e cercare di accontentare più persone possibile».

Per questo motivo, per tutto il periodo in cui perdurerà lo stato di emergenza la farmacia Bogliolo ha deciso di rinunciare alla consueta giornata libera del sabato, e dal mese prossimo almeno la mattina resterà aperta per effettuare tamponi rispondendo alla specifica richiesta del generale Figliuolo di disponibilità a effettuare i tamponi antigenici rapidi «anche oltre gli orari di servizio e anche nelle giornate di chiusura». La decisione è stata già comunicata al sindaco Marco Murgia, all’Ordine farmacisti e alla Assl di Sassari.

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes