sassari
cronaca

Alti fondali, un cancello per gli abusivi

L’Adsp mette il lucchetto al varco: basta pescatori e gare di moto notturne. Primo passo verso il cantiere dell’Antemurale 


31 ottobre 2021 di Gavino Masia


PORTO TORRES. Da qualche giorno l’ingresso alla banchina degli Alti fondali nel porto commerciale è richiuso da un nuovo cancello in ferro. L’Autorità di sistema portuale Mar di Sardegna ha infatti provveduto ad istituire un nuovo varco di security in prossimità dell’accesso al molo. Un provvedimento che segue una specifica richiesta della Capitaneria di porto a causa di un reiterato uso improprio della banchina e del piazzale retrostante da parte di cittadini.

Il riferimento è alle persone che vanno a pescare e a gare di moto non autorizzate che si svolgerebbero nelle ore notturne. La decisione dell’Autorità rientra comunque anche nell’ambito del potenziamento del servizio di vigilanza dei porti di competenza. E rappresenta anche un primo passo verso l’apertura del cantiere per la realizzazione dell’Antemurale.

Nello specifico, proprio la banchina degli Alti fondali verrà resecata, passando dagli attuali 440 metri ai 370 previsti dal progetto, per consentire un più agevole accesso alle navi in porto. Il taglio del nastro alla banchina era stato fatto quattro anni fa dall’allora ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Del Rio, dopo un restyling da 3milioni di euro. Nello stesso periodo si erano concluse anche le caratterizzazioni propedeutiche al dragaggio del fondale, che deve essere portato da meno 8 a meno 11 metri, e stabilita la somma del finanziamento che ammonta a 7 milioni di euro.

Dopo il contraddittorio con l’Arpas sui residui prelevati dal fondali, previsto dalla legge, si pensava che i lavori potessero essere realizzati dopo pochi mesi. Così non è stato, ma in ogni caso la banchina del porto ha ospitato di tanto in tanto l’attracco di qualche nave. Ora è inaccessibile ai più, escluso gli operatori del mezzo antinquinamento, in attesa che si dia il via agli interventi per realizzare l’opera portuale che dovrebbe consentire di rendere agevole l’ingresso e l’uscita delle navi dal porto commerciale. «A seguito di una recente segnalazione da parte della locale Capitaneria di porto relativa ad una fruizione impropria della banchina e dei relativi piazzali – spiega Massimo Deiana, presidente dell’AdSP –, ma anche per completare la perimetrazione delle aree di security portuale, abbiamo deciso di limitare l’accesso ai non addetti ai lavori con il posizionamento di un nuovo varco. Un provvedimento necessario a tutela della sicurezza e, soprattutto, un primo passo per la delimitazione del cantiere dell’Antemurale che, come già anticipato, dovrebbe a breve entrare nel vivo con i primi interventi. Tra cui, appunto, la resecazione della banchina Alti fondali e le opere di mitigazione, una tra tutte la messa in sicurezza del vicino fortino militare».

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.