Ploaghe, un Parco per tutti al posto dell’ex sugherificio

Inaugurata l’area verde fortemente voluta dall’amministrazione comunale Privo di barriere architettoniche, lo spazio è dotato di giochi e percorsi sensoriali 

PLOAGHE. È stato inaugurato ieri il “Parco per tutti” di Ploaghe. Dopo il taglio del nastro ad opera del sindaco Carlo Sotgiu, alla presenza dell’amministrazione, del parroco, delle autorità militari e della banda musicale, il nuovo spazio ha accolto primi tra tutti i bambini e i giovani ploaghesi. Il parco inclusivo, figlio della programmazione territoriale “Coros-Anglona Terre di tradizioni” è un opera pubblica molto attesa nel paese e in tutto il territorio sorta nell'area dell’ex sugherificio, situato all’ingresso del paese. Uno spazio verde e accogliente, privo di barriere architettoniche, dove sono stati installati giochi e attrezzature accessibili a tutti ma anche un giardino esperienziale in grado di allenare i sensi e riabilitare le percezioni delle persone, in particolare di quelle in condizione di disabilità.

Al suo interno sono stati creati due percorsi che consentono di stimolare i sensi del tatto, dell’olfatto e della vista: un sentiero ricco di piante ed essenze dai profumi intensi e rilassanti, un altro ludico-ricreativo-tattile, pensato per allenare la capacità di manipolare gli oggetti. Le forme, i colori e le consistenze delle strutture e dei pannelli ludici sono pensati per stimolare i sensi, compensare le deficienze e aiutare allo sviluppo (in particolare per persone con disabilità visiva, intellettiva o affetti da sordità).

Il progetto è stato finanziato con 270 mila euro da parte della Regione a cui si sono aggiunti oltre 100 mila euro dal bilancio comunale con cui sono stati realizzati , fuori dal progetto principale, i servizi igienici, la sistemazione dei muri perimetrali e soprattutto la realizzazione del pozzo e del relativo sistema di approvvigionamento che consentirà di non utilizzare l’acqua delle condotte, nell’ottica di un contenimento dei costi di gestione e di un uso razionale delle risorse idriche. È un altro spazio verde voluto dall’amministrazione comunale, che ha trovato nel progetto due finalità: migliorare la qualità della vita delle persone e riqualificare l’ingresso del paese in un’ottica di rigenerazione urbana. La cerimonia è stata arricchita dalla presenza della banda musicale e dei giocolieri che hanno intrattenuto i bambini.

Il momento più toccante è stato vissuto da tutti i ploaghesi nel momento in cui è stata svelata la targa in ricordo di Rino Cidda, progettista del parco, scomparso prematuramente prima della conclusione dei lavori. «Avremo voluto inaugurare questo giardino alla presenza di Rino – ha sottolineato il sindaco Carlo Sotgiu nel suo intervento – il suo contributo è stato fondamentale per la realizzazione dell’opera, ma sappiamo che il suo ricordo resterà intatto nella memoria di tutti noi».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes