Don Francesco Amadu a 100 anni dalla nascita

Lo studioso di storia e tradizioni locali sarà celebrato domani nel centro culturale San Francesco

OZIERI. Sarà un convegno organizzato dalla diocesi di Ozieri a celebrare don Francesco Amadu in occasione dei cento anni dalla nascita e a ricordarne la figura come fine studioso della cultura, delle tradizioni e della storia locale. L’appuntamento è per domani alle 17.30 nel centro culturale San Francesco e segue di circa un mese la pubblicazione del volume edito dall’Associazione Don Brundu in cui quattordici personalità che hanno conosciuto a vario titolo don Amadu, ne hanno tracciato il profilo e il suo illuminato percorso. Amadu è stato cancelliere e archivista della curia vescovile ozierese per quasi mezzo secolo ma soprattutto è stato un infaticabile curioso che amava interessarsi di ogni cosa avesse un legame con la storia e la cultura del territorio.

Collezionista appassionato, durante la sua vita ha creato la più grande raccolta privata di monete antiche donate poi al Museo Diocesano di Arte Sacra e a quello civico cittadino ed inoltreo era un immancabile riferimento per chi dovesse intraprendere studi e ricerche storiche. I saluti di mons. Corrado Melis e del sindaco Marco Murgia apriranno i lavori che proseguiranno con i relatori cardinale Angelo Becciu, Alessandro Soddu dell’Università di Sassari, Paola Basoli, già funzionaria della Sovrintendenza di Sassari, Michele Calaresu, storico dell’arte, mons. Gavino Leone della diocesi di Ozieri. Coordinatore della serata sarà don Tonino Cabizzosu che avrà il compito di stimolare i presenti e focalizzare l’attenzione sul grande patrimonio archivistico - tra cui una raccolta di circa tremilaseicento libri antichi - lasciato da don Amadu e che dovrà essere catalogato e studiato in modo analitico.

Francesco Squintu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes