La ditta: disagi e rumori ridotti al minimo

Sarà un cantiere caratterizzato da un elevato grado di complessità, vista la zona e le possibili interferenze, quello che si aprirà entro fine mese in viale Trento. «Ma che riuscirà a rispettare i...

Sarà un cantiere caratterizzato da un elevato grado di complessità, vista la zona e le possibili interferenze, quello che si aprirà entro fine mese in viale Trento. «Ma che riuscirà a rispettare i tempi e a non impattare in maniera pesante sulla vita dei residenti e delle attività commerciali vicine». Ne è convinto Paolo Ticca, ieri in rappresentanza della ditta che si è aggiudicata l’appalto e che inizierà entro novembre. «Laveremo su più fronti – ha spiegato – cercando di posizionare il cantiere verso viale Umberto e studiano al meglio i momenti migliori per fare le lavorazioni più rumorose e impattanti. La parte fondamentale sarà la sostituzione della condotta del diametro di 1,2 metri che riceve acque nere e bianche dalla parte a monte città. Serviranno al massimo tre settimane e la sostituzione verrà fatta a step giornalieri, attivando i bypass e riaprendo la notte, e quindi senza disagi. Nel mentre lavoreremo sul versante Santi angeli, dove verrà asportata parte vegetale e ripiantata con un “gabbionato” per metterla in sicurezza. Si provvederà poi al consolidamento del corpo del terrapieno mediante iniezioni di cemento, resine e berlinesi e poi si lavorerà sul ripristino delle pavimentazioni stradale e arredi. Contiamo, il 4/5 mesi, di riaprire una corsia di marcia, dal lato Santi Angeli. E di finire il nostro lavoro nei tempi concordati».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes