A Campanedda cresce la “cantera”

Un gruppo di quasi 50 miniatleti che arrivano da tutte le borgate della Nurra

SASSARI. Uno squisito pranzo in agriturismo, poi tutti in campo per una foto-ricordo con i giocatori del Campanedda, gli avversari del Siligo e l'arbitro.

Hanno festeggiato il Natale con qualche giorno d'anticipo, i giovanissimi atleti del neonato settore giovanile del Campanedda diretto dal responsabile Riccardo Carboni. A comporre le selezioni Piccoli amici, Primi calci e Pulcini sono 46 bimbi provenienti da tutte le borgate della Nurra. «La struttura è nata lo scorso mese di agosto dopo due raduni molto partecipati» spiega Riccardo Carboni il quale, proprio per dedicarsi a tutto tondo all'organizzazione della struttura, ha preferito non allenare di persona. Gli atleti sono suddivisi in tre categorie in base all'età e sono affidati alle cure di allenatori molto preparati: i Primi calci e i Piccoli amici che si divertono con i giochi propedeutici ai movimenti del calcio sono affidati alle cure di Tore Dessantis; i Pulcini, che stanno disputando il campionato con classifica Figc ottenendo ottimi risultati, sono allenati da Giampaolo Saiglia.

«L’idea è quella di far crescere nel modo migliore i ragazzi durante il loro percorso e arrivare a creare un settore giovanile che possa diventare col tempo un serbatoio per la prima squadra – afferma Riccardo –. L’anno prossimo vorremmo dare vita alle categorie Esordienti, Giovanissimi, Allievi e Juniores. Quest’anno mi piace sottolineare il clima di grande collaborazione che si è instaurato con i genitori e con tutti i dirigenti della società».

Emanuele Fancellu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes