Sgomberata la cantoniera occupata

Tre famiglie rom si erano insediate in uno stabile dell’Arst in via Bellini. Ieri il blitz della polizia locale su mandato del gip

SASSARI. Si erano insediati qui a metà novembre, cercando un posto sicuro dopo l’ennesimo incendio al campo rom di Piandanna che aveva reso l’aria irrespirabile e messo a rischio la loro vita e quella dei loro bambini.

È durata appena due mesi la permanenza di tre nuclei familiari di origine bosniaca all’interno della casa cantoniera che di via Bellini, a pochi passi dall’istituto agrario.

Ieri mattina gli agenti della polizia locale hanno eseguito un’ordinanza di sgombero immediato, firmata dal giudice delle indagini preliminari e messo lo stabile di proprietà dell’Arst sotto sequestro preventivo. È stata la procura della Repubblica, dopo le segnalazioni della stessa azienda regionale dei trasporti, a chiedere al gip che le famiglie rom (in tutto una quindicina di persone, per la maggior parte bambini) venissero allontanate per sicurezza dallo stabile intorno al quale si trova un’area di cantiere potenzialmente pericolosa.

Le operazioni di sgombero ieri mattina si sono svolte alla presenza di una decina di agenti del comando di via Carlo Felice, degli assistenti sociali del Comune e del responsabile della sede territoriale dell’Arst di Sassari.

Il Comune ha proposto alle tre famiglie rom della soluzioni temporanee all’interno di comunità protette o di b&b cittadini, ma ha prevalso la diffidenza e a fine mattinata i tre nuclei familiari sono risaliti a bordo dei loro furgoni e sono andati via. La trattativa è andata avanti per alcune ore e ci sono stati attimi di tensione, ma alla fine gli ingressi della vecchia cantoniera sono stati murati con dei blocchetti e i cancelli di accesso all’area chiusi con catene e lucchetti. Due mesi fa per accedere allo stabile abbandonato i cancelli erano stati forzati e gli occupanti avevano preso possesso dello stabile da tempo abbandonato, da quando la tratta ferroviaria Sassari-Palau era stata dismessa. L’area, dove stava iniziando a crearsi una piccola discarica, ora sarà bonificata a spese dell’Arst. I vertici dell’azienda, responsabili dell’area, avevano segnalato la presenza dei tre nuclei familiari anche alla Prefettura e al tribunale dei minori.

Intorno alla cantoniera sono presenti diversi pericoli costituiti da vecchie rotaie e materiale accatastato in attesa che partano i lavori per il ripristino della linea che dal prossimo anno potrebbe essere riattivata. Il rischio che qualcuno dei bambini potesse farsi del male ha portato alla segnalazione in Procura. Ieri mattina gli agenti e gli assistenti sociali hanno spiegato alle tre famiglie che dovevano fare le valigie e dopo qualche ora lo sgombero si è concluso positivamente.



WsStaticBoxes WsStaticBoxes