Nasce “Trinceas” per ricordare i soldati di Nule

L’associazione vuole conservare memoria dei 250 giovani che parteciparono alla Grande guerra

NULE. “Trinceas”, come le vite dei tanti soldati segnati dalla guerra, è la neonata associazione. Trinceas vuole descrivere e raccontare le trincee dei soldati nulesi nella prima guerra mondiale. Il logo dell'associazione rappresenta i Quattro Mori, simbolo dell’identità sarda, divisi da un fucile e da un filo spinato. Un messaggio forte che esprime la durezza della guerra e ciò che tanti giovani sardi hanno dovuto vivere.

Dopo un viaggio nell’altopiano di Asiago e sul Carso, un gruppo di nulesi ha deciso di fondare un’associazione che racconti la grande guerra vista dai soldati. Ben duecentocinquanta i giovani di Nule che parteciparono alla prima guerra mondiale, su un paese che contava circa 1300 abitanti. Trenta i caduti.

«Il nostro intento – ha detto il presidente dell’associazione Mario Mellino – è quello di sensibilizzare i nostri concittadini alla scoperta della vita dei giovani nulesi partiti in guerra. Speriamo che l’entusiasmo che già ha coinvolto numerose persone possa portare alla realizzazione di importanti progetti».

L’associazione è stata istituita il primo gennaio e già sono tante le idee in cantiere. Durante il viaggio il gruppo di amici si è imbattuto in un sacrario militare, dove sono deposti alcuni soldati nulesi, e tanti altri della zona. Da qui la voglia di approfondire e studiare la storia non solo sulla Grande guerra, ma in generale su una fetta di storia che ha segnato profondamente l’Italia. Nelle pagine social dell’associazione, su Facebook e Instagram, si può scaricare il modulo di adesione al gruppo.

Elena Corveddu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes