sassari
cronaca

Via al concorso di poesia e prosa

Componimenti in sassarese e in tutte le varianti della lingua sarda


29 gennaio 2022


SASSARI. La Fidapa sezione di Sassari, presieduta dall’avvocato Martina Pinna, bandisce la 13ª edizione del concorso di poesia e prosa in sassarese e in tutte le varianti della lingua sarda compreso il tabarchino e l’algherese con traduzione in italiano, dedicato alla poetessa Rosilde Bertolotti e invita poeti prosatori, ovunque residenti nel mondo, a partecipare. Le opere saranno suddivise in tre sezioni: la A riservata a una lirica inedita che non superi i 40 versi sciolti o in rima; la B a un’opera in prosa che non superi 120 righe con carattere Times new roman”12; la C destinata ai giovani dai 10 a 18 anni con un componimento in poesia o in prosa inedite che seguono la stessa indicazione delle sezioni A e B. Ogni elaborato, firmato con uno pseudonimo, sarà inviato in busta chiusa contenente un plico sigillato che dentro riporterà i dati personali dell’autore (nome, cognome, pseudonimo già usato in calce all’opera, residenza e numero telefonico; per la sezione C è richiesta la data di nascita). Sulla busta esterna dovrà essere specificata la sezione di partecipazione. I componimenti dovranno essere inediti, mai premiati e dovranno pervenire entro il 20 marzo. Saranno premiati (il 19 maggio) i primi tre prescelti di ogni categoria con targhe, medaglie, menzioni d’onore e segnalazioni. La giuria è composta da Grazia Elisabetta Corradduzza, Francesca Arca, Serena Cansella, Auretta Carta, Adele Loriga, Vannina Obino, Gavina Solinas. Le buste dovranno arrivare senza mittente a: Fidapa sez. Sassari, concorso Rosilde Bertolotti sezione A, B o C presso lo studio notarile di Antonietta Piras, via Diaz, 3, 07100 Sassari.



Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.