La Nuova Sardegna

Sassari

Piandanna

Sassari, operazione della polizia locale al campo Rom


	La polizia locale al campo Rom di Piandanna (foto ivan nuvoli)
La polizia locale al campo Rom di Piandanna (foto ivan nuvoli)

Sono state eseguite 10 misure cautelari a Piandanna con altrettante persone rinchiuse in carcere

03 ottobre 2022
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari. La polizia locale di Sassari ha eseguito alle prime ore di oggi, lunedì 3 ottobre, una operazione di polizia giudiziaria al campo rom di Piandanna. L'attività con l'esecuzione di diverse misure cautelari, è coordinata dalla Procura della Repubblica di Sassari.

L’operazione è descritta nei minimi particolari in un comunicato diffuso dall’ufficio stampa del Comune di Sassari. «Questa mattina gli agenti del Comando di Polizia Locale di Sassari hanno eseguito 10 misure cautelari con traduzione in carcere nei confronti di altrettanti uomini accusati di traffico illecito di ingenti quantitativi di rifiuti, realizzazione e gestione di discarica abusiva, trasporto e commercio di rifiuti pericolosi e non pericolosi _ si legge nella nota _. L’attività d’indagine, affidata dall’Autorità Giudiziaria al nucleo di polizia ambientale del locale Comando, ha permesso di accertare che il campo di proprietà comunale destinato alla comunità Rom veniva utilizzato quotidianamente per depositarvi rifiuti di ogni genere che venivano trasportati nel terreno sia dagli stessi indagati, sia da soggetti estranei al campo; dai rifiuti venivano, quindi, separati quelli commercializzabili (ad esempio ferro e rame) per cederli dietro compenso a ditte compiacenti che operano nel settore del riciclaggio dei rifiuti con cui gli uomini arrestati intrattenevano rapporti d’affari».

«L’Autorità Giudiziaria _ prosegue il comunicato _ ha, inoltre, disposto il sequestro preventivo dell’interno campo Rom, oggi inutilizzabile poiché sommerso di rifiuti e di cui è stata accertata l’inutilizzabilità per contaminazione ambientale. Inoltre, sempre l’Autorità Giudiziaria ha disposto il divieto di dimora nel comune di Sassari per tre nuclei familiari al cui interno anche le mogli degli uomini sottoposti alla misura della custodia cautelare in carcere collaboravano nel traffico illecito di ingenti quantitativi di rifiuti (svariate tonnellate). Tutti sono, inoltre, accusati di abbruciamento di rifiuti, pratica che veniva adottata sia per pulire i rifiuti commercializzabili (ad esempio per liberare il rame dalla guaina), sia per ridurre il volume degli enormi cumuli dei restanti rifiuti che venivano abbandonati sul terreno».

«L’Autorità Giudiziaria ha disposto, anche _ si legge ancora nella nota _ , il sequestro preventivo di dieci veicoli che venivano utilizzati nel traffico illecito di rifiuti. Sono impegnati in questa attività, che è ancora in corso, oltre sessanta agenti. Nelle prossime ore le misure cautelari potrebbero estendersi ad altri soggetti. Con la chiusura del campo Rom, che sarà definitiva, poiché il danno ambientale provocato in decenni di condotte illecite perpetrate dalla maggior parte di coloro che lo occupavano, si chiude una pagina drammatica dal punto di vista della deriva ambientale a cui lo stesso campo sembrava non potersi più sottrarre».

«L’Amministrazione comunale _ conclude la nota _ si adopererà fin da oggi per bonificare e risanare un’area che assorbe grande valore, una volta ripulita, nelle prospettive di sviluppo paesaggistico del nostro territorio, ma anche della sua pianificazione urbanistica. Il Comune, attraverso la Polizia locale e i Servizi sociali, di concerto con la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori, si è immediatamente adoperato per trovare soluzioni abitative e per offrire supporto sociale ai minori e alle donne che sono risultate estranee ai reati accertati».

In Primo Piano
I controlli

In gita da Sassari a Nuoro senza assicurazione: nei guai il conducente di un pullman pieno di studenti

Le nostre iniziative