La Nuova Sardegna

Sassari

Nuove opere

Consorzio di bonifica del Nord Sardegna, progetti top: finanziati 3 interventi da 16 milioni

di Barbara Mastino
Consorzio di bonifica del Nord Sardegna, progetti top: finanziati 3 interventi da 16 milioni

Sono al primo, secondo e terzo posto nella graduatoria del Mipaaf

06 gennaio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari In arrivo sedici milioni di euro per finanziare tre progetti del Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna, piazzatisi nei primi tre posti nella graduatoria dei progetti esecutivi infrastrutturali irrigui del Mipaaf.

Un risultato di grande rilievo che conferma l’ente ai vertici nazionali nella progettazione, visto che recentemente si era classificato ancora al primo posto nella graduatoria del Centro-Sud e secondo a livello nazionale su 249 progetti presentati sul Pnrr.

In quest’ultimo caso si tratta di 3 milioni e 200mila euro per un’opera di fondamentale importanza: implementare il sistema di monitoraggio dei volumi irrigui consortili e di gestione degli usi illeciti e delle perdite idriche.

«È la conferma della competenza e affidabilità del nostro Consorzio - afferma il presidente Toni Stangoni - che ci permetterà di realizzare opere fondamentali per l’ammodernamento ed efficientamento dei servizi a favore dei consorziati, oltre che poter investire nel territorio ingenti somme di denaro. Tutto frutto di un grande lavoro di squadra a cui va il mio ringraziamento; in particolare in questo caso all’ufficio tecnico, ancora una volta impeccabile».

I progetti che si sono classificati ai primi tre posti concorrono al finanziamento con le risorse della legge 178/2020.

Al primo posto con 38 punti si è classificato il progetto da 8,5 milioni per la manutenzione straordinaria e implementazione di un sistema di monitoraggio delle reti dei tre distretti irrigui del Consorzio: la Piana di Chilivani, di Perfugas e la Bassa valle del Coghinas.

Secondo classificato con 37 punti il progetto da quasi 3 milioni di euro (2.950.000 per la precisione) che consentirà la manutenzione straordinaria al sistema di accumulo di tutti e tre i distretti: lavori che permetteranno di intervenire sul sistema di distribuzione realizzando, con l’aiuto della tecnologia, un controllo da remoto.

Terzo posto, infine, con 36 punti, per il progetto da 4,5 milioni di euro per l’impermeabilizzazione e messa in sicurezza del canale adduttore del distretto irriguo del piano di Perfugas.

Progetti che ora dovranno andare subito a cantiere, insieme agli altri già in essere. Sarà quindi un anno impegnativo per il consorzio, «che ci vedrà attivi su diversi fronti per un totale di circa 40 milioni di euro - evidenzia il vice presidente Francesco Pala -. Avvieremo importanti opere che miglioreranno infrastrutture vecchie di 50 anni, e combatteremo soprattutto gli sprechi e le perdite, andando verso un utilizzo sempre più oculato della risorsa acqua».

Un plauso alla reputazione conquistata sul campo dall’ente consortile arriva infine dal direttore Giosuè Brundu, che sottolinea come oltre ai progetti citati il consorzio sarà impegnato nella messa in sicurezza e il sovralzo degli argini del Coghinas per 16 milioni di euro: «opera attesa - sottolinea Brundu- perché andrà a dare tranquillità a un territorio a forte rischio idraulico e che aspetta da tempo questo intervento. Sempre quest’anno partiranno anche il servizio di piena e la pulizia dei canali e dei fiumi, per 1,7 milioni di euro, e con altri 3,1 milioni di euro si procederà, sempre nell’ottica di un migliore controllo dei consumi e contro gli sprechi, alla sostituzione dei contatori».

In Primo Piano
Strutture ricettive

Lotta al sommerso nel turismo: sul mercato tante offerte sospette

di Claudio Zoccheddu
Le nostre iniziative