La Nuova Sardegna

Sassari

Sassari, clima e asma: da uno studio il legame tra variazioni climatiche e malattia

Sassari, clima e asma: da uno studio il legame tra variazioni climatiche e malattia

Il lavoro, realizzato da 13 centri di ricerca, ha visto anche la partecipazione della Pneumologia dell'Aou. In città coinvolti nella ricerca circa 6mila pazienti nati tra il 1925 e il 1989

05 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari  Nei periodi di siccità estrema si assiste a un aumento della prevalenza dell’asma. La patologia, che nel mondo colpisce oltre 300 milioni di persone, sembra seguire le fluttuazioni climatiche. È quanto emerge da uno studio multicentrico che ha visto ricercatori di 13 diversi Centri di ricerca Italiani realizzare un'indagine sulla correlazione tra i modelli climatici e l'incidenza della malattia. Il lavoro, pubblicato poco prima della fine del 2023 sulla rivista scientifica Scientific Reports, ha coinvolto un campione di 36.255 individui. Alla ricerca hanno partecipato il Cnr e diversi gruppi di ricerca Universitari della penisola.  Tra questi ultimi anche la struttura complessa di Pneumologia clinica e interventistica dell'Aou di Sassari.

«L’Organizzazione mondiale della sanità – afferma il direttore della Pneumologia clinica, Pietro Pirina – stima che nei prossimi decenni assisteremo a un aumento significativo della mortalità a causa di eventi climatici estremi, quali siccità e ridotto approvvigionamento idrico. Allo scopo di verificare possibili correlazioni tra variazioni climatiche e incidenza dell’asma, sono state studiate in Italia le oscillazioni periodiche dei fenomeni climatici tra il 1957 e il 2006». «Le variazioni della siccità – aggiunge il professore Alessandro Fois, direttore di Endoscopia bronchiale interventistica – sono state ricostruite attraverso l’Indice di Palmer (sc-PDSI), che misura il grado di gravità della stessa, e sono state messe in relazione con le fluttuazioni della Summer North Atlantic Oscillation (SNAO), indice climatico, che nella sua fase negativa, genera condizioni umide nell’Europa Nord-Occidentale e condizioni aride sul Mediterraneo centrale».

Lo studio ha permesso di raccogliere informazioni su un arco di tempo molto ampio, compreso tra la fine degli anni Cinquanta e i primi anni del nuovo millennio. Oggetto della ricerca le informazioni sulla salute respiratoria di campioni di popolazione generale, nati tra il 1925 e il 1989 e di età compresa tra 20 e 84 anni al momento dell’intervista.

A Sassari sono stati coinvolti, attraverso 2 studi (ISAYA e GEIRD), 6000 soggetti tra 20 e 84 anni (rapporto M/F di 1/1), scelti in maniera probabilistica tra coloro che erano nati e residenti in città. I pazienti tra i 20 e i 45 anni, che presentavano una diagnosi funzionale di asma, sono stati seguiti clinicamente per 20 anni e la prevalenza della malattia è passata dal 4,1% degli anni 1991/93 al 6,6% degli anni 2007/2010.

In Primo Piano
Caos trasporti

Crash informatico: ecco che cosa sta succedendo negli aeroporti della Sardegna

di Salvatore Santoni

Video

L'avvocato Gianfranco Piscitelli: «Ecco come è stato occultato il cadavere di Francesca Deidda»

Le nostre iniziative