La Nuova Sardegna

Sassari

L’incidente

Sassari, bambino di due anni investito in via Leoncavallo

Sassari, bambino di due anni investito in via Leoncavallo

Il piccolo ha riportato un trauma cranico. Era in compagnia della mamma quando all’improvviso è sfuggito al suo controllo ed è stato travolto da una Suzuki S Cross.

15 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Un bambino di due anni è stato investito da un’auto nel pomeriggio di ieri 15 aprile 2024 in via Leoncavallo. Il piccolo era inspiegabilmente sulla carreggiata quando è transitata una Suzuki S Cross condotta da un uomo sassarese di 67 anni. Immediati i soccorsi con l’intervento degli operatori del 118 che poi hanno trasportato il piccolo in ospedale dove è arrivato in codice rosso.

Il bambino ha riportato un trauma cranico e in serata è stato sottoposto a una serie di accertamenti (anche tac cranio) per valutare l’entità delle lesioni. Sul posto sono arrivati gli agenti della polizia locale (i primi a intervenire quelli del nucleo motociclisti) che hanno eseguito i rilievi e raccolto tutte le informazioni per ricostruire l’accaduto e accertare le eventuali responsabilità. All’incidente avrebbero assistito anche alcuni testimoni che sono stati sentiti dagli agenti.

Secondo le prime valutazioni, pare che il bambino si trovasse insieme alla mamma in via Leoncavallo e a un certo punto - forse per una distrazione o comunque a seguito di una azione improvvisa e imprevedibile - il piccolo si sarebbe proiettato verso la strada attraversando dalla parte dei parcheggi verso la farmacia. L’auto lo avrebbe urtato con la parte laterale.

Sono stati momenti di grande paura: il bimbo piangeva e lamentava forti dolori alla testa. Rapidissimi i soccorsi con l’attivazione dei protocolli previsti nel caso di incidenti con il coinvolgimento di bambini così piccoli.

In serata erano in corso gli accertamenti clinici per il bambino mentre gli agenti della polizia locale stavano completando la ricostruzione dell’episodio.

In Primo Piano
Il vertice

Siccità, un tavolo permanente sino alla fine dell’emergenza

di Andrea Massidda
Le nostre iniziative