La Nuova Sardegna

Sassari

Il rogo

Attentato incendiario nella notte a Sassari in via Monte Grappa contro l’agenzia funebre “Antonio Pinna”

di Luca Fiori
Attentato incendiario nella notte a Sassari in via Monte Grappa contro l’agenzia funebre “Antonio Pinna”

L’agenzia è di proprietà di un cugino di Giovanni Pinna, il naufrago indagato per la morte di Davide Calvia morto in mare il 12 aprile del 2023. Il proprietario: «Credo abbiano sbagliato bersaglio, siamo società separate da 25 anni. Noi non abbiamo nemici».

08 maggio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Sassari Attentato incendiario nella notte a Sassari in via Monte Grappa contro l’agenzia funebre “Antonio Pinna”.

Alle 4.30 del mattino di oggi, mercoledì 8, gli incendiari hanno rotto una vetrata e sparso l’ingresso di liquido infiammabile e fatto partire le fiamme. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e la polizia di stato.

L’agenzia Pinna è di proprietà dei familiari di Giovanni Pinna, il naufrago indagato per la morte del cugino Davide Calvia morto in mare il 12 aprile del 2023.

L’agenzia è di un cugino dì Giovannino Pinna, ma le società sono separate da 23 anni e fra le due famiglie non c'è nessun rapporto.

La sede principale è in via delle Conce. Quella di via Monte Grappa si trova davanti a quella del padre dì Giovannino Pinna, a venti metri di distanza.

Il titolare Stefano Pinna, che ha presentato stamattina querela in questura, afferma: «Credo abbiano sbagliato bersaglio, non abbiamo nemici. Sarò costretto a chiudere questa sede di via Montegrappa per evitare che continuino a confonderci». (foto Ivan Nuvoli)

In Primo Piano
Allarme

Emergenza siccità, la Baronia come il Texas: asciutti anche i pozzi

di Alessandro Mele
Le nostre iniziative