La Nuova Sardegna

Sassari

Tribunale

Arrestato quattro volte in un mese. Un 25enne: «Rubo per poter mangiare»

di Nadia Cossu
Arrestato quattro volte in un mese. Un 25enne: «Rubo per poter mangiare»

Dopo l’ennesimo furto (22 flaconi di shampoo) il giudice ha disposto la custodia in carcere

15 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Ruba per fame, tanto che l’ultima volta in cui è stato arrestato (lo scorso 30 aprile per la terza volta, ieri per la quarta) – mentre aspettava di entrare nell’aula del tribunale per l’udienza di convalida – aveva divorato un panino e dei cornetti che gli aveva comprato il suo avvocato. Durante la notte precedente, invece, ci avevano pensato i carabinieri della stazione di Ploaghe a rifocillarlo. Ruba, per lo più generi alimentari, non usa violenza e quando lo beccano – praticamente sempre – consegna il bottino senza fare troppo storie.

Il destino di un 25enne originario di Alghero è quello di un giovane che, rimasto orfano, si è dato alla vita da sbandato e alla tossicodipendenza. Vive in una casa del centro storico di Sassari, senza luce e senza acqua, e per sopravvivere commette diversi furti. Gli ultimi in ordine di tempo hanno interessato formaggio, salsiccia, qualche bottiglia di superalcolici, olio, caffè, rasoi e tagliacapelli, probabilmente per darsi una ripulita.

Martedì un nuovo arresto, stavolta il colpo lo ha messo a segno nel negozio “Saponi e Profumi” di Predda Niedda dove ha rubato 22 flaconi di shampoo con l’obiettivo di rivenderli per comprarsi da mangiare. Al termine della direttissima, la giudice Silvia Masala – davanti alla quale il 25enne è comparso accompagnato dal suo avvocato Danilo Mattana – ha convalidato l’arresto e ha disposto la custodia cautelare in carcere. Unica soluzione possibile per arginare comportamenti ormai fuori controllo. In seguito ai precedenti furti, infatti, il giovane era stato sottoposto a obbligo di firma e di dimora, misure che non sono servite a scongiurare ulteriori reati. Il 25enne ha già fatto un colloquio con una comunità di recupero dove, seguito da personale esperto, potrebbe provare a riprendere in mano la propria vita.

In Primo Piano
Il dossier

Top 1000, un’isola che si batte e cresce nonostante tutto

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative