La Nuova Sardegna

Sport

Alessandro Masala sale sul palcoscenico della A

Alessandro Masala sale sul palcoscenico della A

Il centrocampista del Latte Dolce ha firmato col Genoa: «È un sogno che si avvera, ora viene il bello»

26 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





SASSARI. La squadra ha appena perso la serie D e il suo gioiello più prezioso trova la serie A. Il giovane centrocampista del Latte Dolce Alessandro Masala, subissato di richieste dopo l'ottima stagione con la maglia biancoceleste e con quella azzurra della Nazionale dilettanti under 17, ha scelto il Genoa. Il fascino del Grifone (e della massima serie) ha fatto breccia nel cuore del ragazzino sassarese, 17 anni compiuti a novembre, che sabato trovato l'accordo con la blasonata società ligure.

A inseguire il talento cresciuto nella scuola calcio sassarese erano in tanti, lo voleva mezza serie B e il Latina, che aveva anche presentato una proposta seria alla società, sembrava la più accreditata ad accoglierlo nei suoi ranghi. Ma Alessandro ha puntato su Genova e spiega perchè: «Negli ultimi due anni tra provini e tornei ci sono stato tre volte e mi sono trovato molto bene. Sono sicuro della scelta, per me è un sogno che si avvera. E' una chance importante, che mi voglio giocare bene perchè sia il primo passo di un bel percorso. So che adesso arriva il bello. E anche il difficile».

Ale è un adolescente ma ha già la maturità per non cadere in facili illusioni e sa che solo fatica e impegno possono lanciarlo nel calcio "che conta". Lo ha imparato nel Latte Dolce, attraverso gli insegnamenti dei suoi primi tecnici Giovanni Meruddu (che negli Esordienti lo ha indirizzato a centrocampo, dopo gli inizi da attaccante), Franco Pinna, Marco Cusimano e Toto Cannas. Negli Allievi della Torres 2000 lo ha scoperto Pierluigi Scotto, promuovendolo titolare in D, e in pochi mesi il ragazzo si è messo in evidenza, ritagliandosi spazi e visibilità in un campionato così impegnativo, confrontandosi con avversari dai nomi importanti e attirando l'attenzione degli osservatori della Nazionale di categoria, dove ha collezionato numerose convocazioni e la fascia di capitano.

«E' successo tutto molto in fretta - afferma - e devo ringraziare tutti i miei allenatori e soprattutto Scotto, che mi ha concesso una vetrina importante, facendomi crescere tatticamente e forgiandomi nel carattere. Se ora ho questa opportunità importante lo devo a loro». L'accordo di Masala col Genoa è ufficiale, mentre con il Latte Dolce è solo verbale. Lo precisa il diesse Fantoni, manca ancora la firma ma non dovrebbero esserci ostacoli per il prestito (oneroso) con diritto di riscatto.

Sandra Usai

In Primo Piano
Sanità

Cagliari, l’ospedale Brotzu riapre dopo il black out

Le nostre iniziative