La Nuova Sardegna

Sport

la scheda

Dal ciclocross alle Tre cime di Lavaredo

Dal ciclocross alle Tre cime di Lavaredo

Per lo scalatore di Villacidro primo successo da professionista

26 maggio 2014
1 MINUTI DI LETTURA





SASSARI. Per Fabio Aru, nato il 3 luglio del 1990 a Villacidro, quello di ieri è il primo successo da professionista. Ha cominciato la carriera nella Ozierese Giorgione di Antonio Camboni per passare poi in Lombardia alla Palazzago. Dopo essersi distinto nel ciclocross è emerso da dilettante nelle prove su strada conquistando due successi al Giro della Valle d'Aosta, vincendo il Toscana-Terra di ciclismo e ottenendo il secondo posto al campionato italiano Under 23 e al GiroBio.

Passato professionista due estati fa con la formazione kazaka dell'Astana, ha esordito nell'Usa Pro Cycling Challenge, ottenendo un secondo posto nella sesta tappa. Il feeling con i compagni si è affinato con il tempo, e la dimostrazione è stata il quarto posto (miglior giovane) nella classifica generale del Giro del Trentino, vinto da Nibali. Alla prima partecipazione alla Corsa Rosa, Fabio è arrivato quarantaduesimo nella classifica generale, indossando per quattro giorni la maglia bianca di miglior giovane e pagando a caro prezzo una gastroenterite, che però non gli ha proibito di condurre Nibali sino alla maglia rosa, in particolare con un quinto posto sulle tre Cime di Lavaredo, in mezzo a una bufera di neve.

In Primo Piano
Meteo

Nubifragi e grandinate: dal Sassarese alle Baronie il maltempo colpisce il nord Sardegna

Le nostre iniziative