La Nuova Sardegna

Sport

Doccia fredda sui galluresi: annullato il Rally Storico

di Enrico Gaviano
Doccia fredda sui galluresi: annullato il Rally Storico

Brutta sorpresa per gli sportivi dopo le promesse dei mesi scorsi: pochi iscritti e il Mondiale si dimentica del nord est dell’isola

28 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





PALAU. Nato male e finito peggio. Il Rally storico in programma dal 5 all’8 giugno a Palau e dintorni è stato annullato. Pochi gli iscritti a una manifestazione che ha portato solo guai all’amministrazione comunale di Palau, che su questo evento aveva investito parecchio in denaro e speranze. A questo punto suonano ancora più e beffarde le parole pronunciate da Mariano Mariani, direttore dell’agenzia regionale Sardegna promozione. Quando si diffuse la notizia che il Rally Mondiale, quello vero, era stato tolto alla Gallura per portarlo ad Alghero, Mariani disse: «La Gallura verrà ripagata con il Rally storico che porterà tantissimi turisti nella zona». Il nord est della Sardegna invece resterà con un pugno di mosche. Niente Rally mondiale e niente Rally storico. Per la verità, su quest’ultimo evento in pochi credevano che avrebbe portato grandi masse di sportivi. Ci ha creduto solo Francesco Pala, sindaco di Palau, e la sua giunta, che hanno affidato alla Motor Project di Vito Pierulli l’organizzazione dell’evento.

I primi problemi sono nati dal fatto che gli organizzatori hanno voluto utilizzare il nome Costa Smeralda per battezzare il Rally. Si è sollevato subito un vespaio di polemiche, in particolare dalla Sardegna Great Events, che utilizza il marchio da oltre un decennio con il beneplacido del Consorzio Costa Smeralda. Un affidamento che è stato riconfermato nei giorni scorsi con lettera firmata dall’avvocato Persico al responsabile di Sardegna Grandi Eventi Carmelo Mereu. Subito dopo hanno protestato con l’amministrazione comunale di Palau, per l’utilizzo del marchio, anche i sindaci di Arzachena e Olbia.

Grane sono scoppiate anche all’interno della maggioranza in consiglio comunale a Palau. Tanto che Paolo Altana, che aveva la delega allo sport, ha rimesso il mandato nelle mani del sindaco. Al centro di questa decisione, il fatto che il comune aveva deciso di impegnare una cifra troppo alta per il Rally, con conseguente depauperamento delle altre iniziative.

Insomma, un sacco di problemi. A cui si sono aggiunti poi quelli di natura squisitamente tecnica. Alla manifestazione infatti, hanno dato la loro adesione pochissimi equipaggi, addirittura meno di dieci. Pochi giorni fa, nel sito ufficiale del Rally storico, era comparsa una notizia che aveva entusiasmato gli appassionati di rallismo: la Lancia rally Martini-Racing condotta da Harri Toivonen avrebbe fatto da apripista. Harri Toivonen, è il fratello minore di Henri che al Costa Smeralda corse tre edizioni, vinto due volte, l'ultima delle quali a pochi giorni dal Tour de Corse 1986 nel quale con la Delta S4 e assieme a Sergio Cresto morì dopo un'uscita di strada. Purtroppo però questo bellissimo salto nel passato del Rally Costa Smeralda non si potrà fare. Evento cancellato, per mancanza di iscritti.

In Primo Piano
La polemica

Pro vita e aborto, nell’isola è allarme per le nuove norme

di Andrea Sin
Le nostre iniziative