La Nuova Sardegna

Sport

Tutto Dinamo

Biancoblù concordi «Traditi nel finale dal tiro da fuori»

dall’inviato
Biancoblù concordi «Traditi nel finale dal tiro da fuori»

Devecchi: «Grande grinta, poi abbiamo perso smalto» Gallinari, in tribuna: «La serie è ancora apertissima»

31 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





MILANO. Dieci minuti con le polveri bagnate dalla distanza possono rovinare l’ottimo lavoro fatto per tre quarti abbondanti. Tutti d’accordo, a fine gara, compreso l’ospite a sorpresa del Mediolanum Forum. Tra i tanti vip del parterre c’era anche Danilo Gallinari, grande ex delle scarpette rosse e cugino del sassarese Jack Devecchi. «È stata una bellissima partita è la serie è tutt’altro che chiusa – ha detto a fine gara l’ala dei Denver Nuggets, in ripresa dopo un lunghissimo infortunio –. Milano e Sassari sono le due migliori formazioni del campionato e sono convinto che anche le prossime sfide saranno molto belle e intense. La Dinamo è stata in partita sin quasi alla fine, forse ha pagato un po’ di errori dalla lunga distanza. Chi ho tifato? Senza dubbio Milano, che è la mia ex squadra, ma spero sempre che mio cugino giochi bene. Anche se ha la maschera più brutta del mondo...».

A pochi passi di distanza, Jack Devecchi incassa il colpo senza fiatare. «È un vero peccato – sottolinea il numero 8 della Dinamo, che con l’Olimpia Milano ha giocato per diversi anni ai tempi delle giovanili – perché l’intensità era quella giusta e secondo me eravamo in grado di giocarcela sino all’ultimo. Abbiamo commesso qualche errore di troppo in attacco, anche su tiri non troppo difficili, loro hanno preso coraggio e da quel momento in poi non siamo più riusciti a riprendere la partita. Però c’eravamo, ed è da qui che dobbiamo ripartire».

La panchina sassarese, che spesso è il fattore chiave, ieri ha dato un contributo minimo in attacco, con appena 13 punti segnati. «Noi dobbiamo sempre farci trovare pronti, ma a volte non riusciamo a incidere più di tanto – dice Devecchi –, l’importante è non perdere la fiducia. Sappiamo di dover dare qualcosa di più».

Anche Marques Green torna sul pessimo finale al tiro. «La differenza è tutta lì – sottolinea il play di Philadelphia –, loro hanno continuato a segnare in maniera abbastanza costante, mentre noi non abbiamo praticamente più visto il canestro da fuori. È dura perdere in questo modo, la squadra c’era e ha girato molto bene. Può succedere. Ma torneremo, non vediamo l’ora di essere di nuovo in campo».

A.Si.

In Primo Piano
L’approfondimento

La trincea dei sindaci contro lo spopolamento, Nughedu San Nicolò lotta per non scomparire

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative