La Nuova Sardegna

Sport

L’Olbia punta sulla sardità

 L’Olbia punta sulla sardità

Nel ritiro di Arona 24 giocatori al lavoro con il tecnico Scotto, si cerca la punta

28 luglio 2014
3 MINUTI DI LETTURA





ARONA. Spalmata sulla sponda meridionale del Lago Maggiore, quasi inghiottita dal verde dei boschi della collina piemontese. Arona si presenta come una cittadina tranquilla. Il top per una squadra che non vuole sbagliare nulla, a cominciare dal ritiro. L’Olbia è arrivata in Piemonte ieri pomeriggio e si è messa subito al lavoro. Alloggia all’Atlantic hotel e si allena nel campo di Dormelletto. A coordinare il lavori, che andranno avanti fino al 13 agosto, è il tecnico Pier Luigi Scotto che non vede l’ora di cominciare il campionato. Con lui al momento ci sono 24 giocatori. Basta dare uno sguardo alla lista dei nomi per rendersi conto che l’Olbia, prima di partire, ha riconfermato il fantasista Daniele Molino e poi messo a segno un nuovo colpo: Fabio Oggiano, seconda punta classe 1987, ex Torres e lo scorso anno al Terracina. «È forte, nell’ultima stagione ha segnato 15 gol. Sono molto soddisfatto» commenta Scotto.

Nel frattempo, si lavora per acquistare una prima punta. Dopo il forfait di Michele Vano, che non ha rispettato l’accordo con la società preferendo passare al Chieti, nonostante l’Olbia gli avesse pure pagato il biglietto aereo per la firma, i bianchi si trovano nelle condizioni di dover cercare un centravanti. Nel mirino ci sarebbe Luca Caboni, 27 anni, ex Budoni e Selargius, lo scorso anno con la Lucchese con la quale ha segnato 11 gol e conquistato la promozione in Lega Pro. «Ora cerchiamo di trovare al più presto la prima punta, è possibile che qualcuno si unirà a noi nel giro di pochissimi giorni – spiega Scotto –. Comunque sono contento, abbiamo costruito una squadra molto forte e centrato quasi tutti gli obiettivi. L’Olbia è una squadra formata soprattutto da sardi. Nella nostra isola c’è tanto materiale e credo molto nell’orgoglio dei giocatori e nella sardità».

Ma ecco la lista dei protagonisti della nuova Olbia in ritiro ad Arona, costruita da Scotto in piena sintonia con la dirigenza (dal presidente Pino Scanu ad Anselmo Nieddu, Adolfo Varrucciu, Gianni Derosas, Piero Giagnoni e Lucio Deiana). In porta Giuseppe Saraò e il piccolo Fabrizio Deiana, ma saranno valutati anche altri fuoriquota. Per la difesa ci sono i veterani Andrea Peana, Jacopo Malesa, Simone Varrucciu, Antonio Loddo, Alessio De Cicco e i nuovi Ivan Del Rio, Luigi Pinna e Simone Ravot. A centrocampo i confermati Mario Masia, Riccardo Capuano, Alessio Del Rio, Roberto Doddo , Luca Columbano, Lorenzo Taras e poi gli acquisti Alessandro Steri (che arriverà ad Arona domani perché è appena nata la figlia) e Mario Barone. Infine l’attacco. Mentre si attende la prima punta, la lista ora è formata da Daniele Molino, Giuseppe Mastinu, Fabio Oggiano, Davide Budroni, Fabrizio Murgia e Matteo Muresu. Previste diverse amichevoli. La stagione comincerà il 31 agosto con la Coppa Italia. Nessuna novità invece sul girone, ma dovrebbe essere quello sardo-laziale.

Dario Budroni

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative