La Nuova Sardegna

Sport

Tutto Cagliari

Ecco Manuel Almunia una saracinesca per il nuovo Cagliari

di Mario Frongia
Ecco Manuel Almunia una saracinesca per il nuovo Cagliari

Giulini completa il mosaico: preso un portiere di esperienza. Ha un passato all’Arsenal e al Watford di Gianfranco Zola

30 luglio 2014
3 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. È alto 191 centimetri, l'ha allenato anche Gianfranco Zola, ha giocato una finale di Champions e vanta 171 partite con la Maglia dell'Arsenal. Il curriculum di Manuel Almunia è solido. Di certo, è tra i portieri con la carriera più blasonata mai approdati al Cagliari. Tra il club di Giulini e l'agente del giocatore iberico si è discusso ieri fino a tardi. Il contratto pare prevedere un anno alla corte di Zeman. Il condizionale è legato alle visite mediche. Almunia le effettuerà a Cagliari lunedì. A seguire, se tutto fila, ci sarà l'ufficializzazione.

Insomma, dopo Agazzi, Avramov e Silvestri, ultimo trio di guardiani dei pali della gestione celliniana, ecco un atleta scelto da Giulini. Ed è curioso che accada nella stessa stagione dell'arrivo in città di Antonio Adàn: il portiere del Real Madrid, lanciato da Mourinho nella Liga e in Champions, apparso a gennaio a Cagliari e ripartito come una meteora: abbattuta, dopo un buon debutto, dai gol della Juventus, 4-1 al Sant'Elia.

Almunia, classe '77, spagnolo di Pamplona, dal 2004 al 2011 con l'Arsenal di Wenger, ha trascorso gli ultimi due anni al Watford, B inglese, prima con Zola, poi con Sannino in panca. Nato nell'Osasuna, gioca con Cartagena, Sabadell, Celta Vigo, Eibar, Recreativo Huelva e Albacete prima del trasloco in Premier. Con l'Arsenal debutta nel 2004: 2-1 al Manchester City. Con i Gunners gioca la finale di Champions 2006 contro il Barcellona: al 18' prende il posto di Lehmann, espulso. Lo trafiggono Eto'o e Belletti. Nel 2011 va in prestito al West Ham. L'anno dopo firma con il Watford.

Attualmente svincolato, Manuel Almunia sarebbe la chioccia ideale per Colombi e Cragno. Il club di Giulini chiude dopo aver sondato anche Ochoa, Julio Cesar e Frey. «Ho lasciato Almunia nella stanza accanto. Fatemi andare e - ha detto il patron in un collegamento radio da Milano - in cinque minuti penso di chiudere».

Idea Mbaye. Il ds. Marroccu segue da vicino anche Ibrahima Mbaye. Il difensore senegalese scuola Inter piace a Giulini. Classe '94, rientra dal prestito a Livorno: in Toscana ha disputato un campionato positivo. Per quanto riguarda, Capuano a Cagliari e Del Fabro a Pescara, la formula è quella del prestito con diritto di riscatto per il difensore abruzzese e del prestito secco per Del Fabro. Sui siti viene rilanciata anche un'amichevole tra i due club. La data? Allo stadio Adriatico il 13 agosto. In breve, un test interessante a pochi giorni dal debutto in Coppa Italia. Sulla giostra dei nomi avvicinati al club di Giulini sono sempre presenti il centrale difensivo Camporese (Fiorentina) e la mezzala Husbauer (Sparta Praga). Per quest'ultimo si deve attendere il completamento dei preliminari di Champions. Anche Farias, attaccante brasiliano del Chievo, è nel radar rossoblù. Insomma, Giulini parte con il piede giusto. Il presidente è ottimista: «Nelle ultime gare abbiamo Juventus, Palermo, Cesena e Udinese, avversari tosti. Ma sono sicuro che saremo già salvi alla quintultima giornata» dice nel post calendario.

Elezioni regionali 2024
Dopo il voto

Elezioni regionali, il centrodestra ancora spera nel ribaltone

Le nostre iniziative