Anche in Sardegna il pallone si ferma per due settimane

L’isola si adegua ai provvedimenti presi a livello nazionale La ripresa dell’attività è prevista per il 21-22 marzo

CAGLIARI. Anche la Sardegna calcistica si adegua ai provvedimenti restrittivi emessi dal Consiglio dei ministri in seguito all’emergenza causata dal Coronavirus e che ha già causato rinvii anche nei vari campionati professionistici di calcio e nei principali campionati delle altre discipline (basket e pallavolo su tutti).

Infatti, così come successo in serie D dove salteranno le prossime due giornate di campionato, il Comitato regionale Figc ha deciso la sospensione di tutta l’attività agonistica sia a livello dilettantistico che giovanile nelle giornate di domenica 8 e domenica 15 marzo, uniformandosi alle analoghe decisioni prese dagli Organismi calcistici di diverse altre regioni. Il provvedimento riguarda anche i campionati di calcio a 5 maschile e femminile.

Il pallone insomma per due settimane smette di rotolare sui campi di tutta la Sardegna, con l’auspicio che in queste due settimane di sosta forzata, il virus venga contenuto se non debellato del tutto, in modo tale che la situazione possa migliorare se non tornare alla normalità. «In riferimento alle normative e alle disposizioni che il Governo Italiano, Il Coni e la nostra Federazione Calcio stanno attuando per il contenimento sul territorio italiano del virus COVID-19 (Coronavirus)– si legge nelComunicato Ufficiale n. 34 uscito ieri – questo Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Sardegna ha deliberato, con carattere di urgenza, anche in un’ottica di collaborazione fattiva con quanto evidenziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e di salvaguardia di tutti i nostri tesserati, i seguenti provvedimenti da attuare in ambito regionale. 1) Sospensione e rinvio a data da stabilire di tutte le gare in programma nella giornata del 5 marzo (ieri) di qualsiasi ordine e/o categoria sia Dilettanti che di Settore Giovanile. 2) Interruzione dell’attività sportiva presso il Centro di Formazione Federale “Tino Carta” di Oristano (con conseguente rinvio della finale di Coppa Italia di Promozione prevista per il 14 marzo tra Macomerese e Usinese ). 3) Sospensione temporanea dell’attività di allenamenti e preparazione di tutte le rappresentative regionali e provinciali. 4) Sospensione dell’attività agonistica nelle giornate dell’8 e 15 marzo di tutto il calcio a 11 , calcio a 5 maschile e femminile e del Settore Giovanile regionale e provinciale di tutte le categorie (dalla Juniores all’attività di base). La ripresa – conclude la nota – è stata fissata per sabato 21 e domenica 22 marzo, a meno di ulteriori modifiche dei provvedimenti presi».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes