Dionisi sbuffa: «Subiti due gol evitabilissimi»

REGGIO EMILIA. Alessio Dionisi, tecnico del Sassuolo non si dà pace: dopo la gioia, la mazzata. E ieri è successo due volte. «Grande rammarico per aver subito i gol subito dopo essere passati in...

REGGIO EMILIA. Alessio Dionisi, tecnico del Sassuolo non si dà pace: dopo la gioia, la mazzata. E ieri è successo due volte. «Grande rammarico per aver subito i gol subito dopo essere passati in vantaggio - spiega a fine gara - abbiamo subito le loro ripartenza e perso fiducia. Non sono contento, l’episodio del rigore è nato da un nostro errore». Non solo ombre: «Per molti tratti della gara - continua - abbiamo creato e gestito bene la manovra. Nel complesso sulla prestazione non posso dire niente, abbiamo tirato in porta venti volte. Ma queste partite non devono finire due a due. Forse abbiamo concesso troppo. Dobbiamo crescere sotto il profilo della responsabilità, migliorare sotto l’aspetto tecnico e tattico. In alcune occasioni non abbiamo fatto le scelte giuste. E dall’altra parte ci sono giocatori forti che ti possono punire. C’erano tutte le condizioni giuste: queste partite si devono vincere».

Tra gli azzurri neroverdi bene Scamacca per il gol, poche occasioni per Raspadori: «Per me sta andando bene- conclude il tecnico- ci si aspetta molto da lui, ha intorno molte pressioni. E invece bisogna dargli tempo per crescere e fare sempre meglio». A inizio conferenza stampa il tecnico neroverde ha parlato della tragedia di Sassuolo che ha coinvolto una donna di origine sarda Elisa e la sua famiglia. Unica superstite, una figlia: «Prima del calcio - ha esordito- ci sono altre cose più importanti. Sassuolo sta raccogliendo fondi per lei, che nella tragedia ha perso i genitori e due fratelli».

Stefano Ambu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes