La Nuova Sardegna

Sport

Il Cagliari sogna l'impresa

Roberto Muretto
Alessandro Deiola
Alessandro Deiola

A Milano contro l'Inter il pronostico è chiuso. Nandez non ci sarà, spazio a Deiola

12 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. Una missione impossibile per il Cagliari. Sembra già scritto come andrà a finire la sfida di questa sera al “Meazza” con l’Inter. I rossoblù sono considerati una sorta di vittima da sacrificare sull’altare della corazzata guidata da Simone Inzaghi. Mazzari (la sua avventura sotto la Madonnina non è stata esaltante), però, è abituato a lottare. Gli si possono rimproverare tante cose ma non che sia uno che alza subito bandiera bianca. Sarà questo lo spirito che i Quattro Mori dovranno mettere in campo per sperare di uscire indenni da un match dal pronostico chiuso. Aggressività e determinazione sono le armi da usare. Abbassarsi troppo sarebbe come porgere l’altra guancia. L’Inter viene da sei vittorie nelle ultime sette gare, ha il morale a mille e giocherà col piglio di chi è consapevole di essere più forte dell’avversario di turno. Dire che il Cagliari non ha nulla da perdere è sbagliato. Vista la situazione di classifica, bisogna provare a mettere punti in cassaforte, senza guardare in faccia chi hai di fronte.

Le scelte. Senza Nandez (di dice che a gennaio passerà proprio all’inter, ma in questo momento tra i due club non c’è una trattativa in corso), il timoniere del vapore rossoblù potrebbe tornare al 3-5-2. Sarà Deiola ad avere una chance. Il centrocampista sardo garantisce copertura ed equilibrio nella fase di non possesso. Difficile che Godin possa cominciare dall’inizio, magari tornerà utile a gara in corso se le cose dovessero mettersi per il verso giusto. Keita sembra ancora in vantaggio su Pavoletti, mentre Lykogiannis sarà schierato a sinistra e Bellanova a destra.

I campioni d’Italia. Torna de Vrij al centro della difesa per alzare il muro davanti ad Handanovic. L’altra novità dovrebbe essere Sanchez in avanti a fare coppia con Lautaro Martinez. Simone Inzaghi punta su giocatori piccoli di statura ma rapidi nelle giocate. Una mossa per sorprendere il Cagliari con gli inserimenti da dietro di Calhanoglu e Barella, uno degli ex della gara. «Il gol dell’ex? - ha detto - Non lo voglio. È già successo ed ho chiesto scusa». Perisic e Dumfris sulle corsie saranno da tenere d’occhio. Bravi a spingere, un po’ meno a difendere. Può essere questo il punto debole.

Statistiche. Quella di stasera è una sfida tra la formazione che ha guadagnato più punti in media in gare casalinghe in (Inter, 2.4) e quella che ne ha raccolti di meno in trasferta (Cagliari, 0.4 in media). Èd è anche il match tra la squadra che ha segnato il maggior numero di gol da palla inattiva in questo campionato (Inter, 13) e quella che ne ha subiti di più su calcio da fermo (Cagliari, 12). I rossoblù si augurano che oggi vada tutto liscio.

In Primo Piano
Tragedia in mare

Castelsardo, turista tedesco muore annegato a Lu Bagnu

di Mauro Tedde
Le nostre iniziative