La Nuova Sardegna

Sport

Mazzarri detta la linea: "Squadra concentrata, dobbiamo battere il Sassuolo"

Enrico Gaviano
Walter Mazzarri, 60 anni
Walter Mazzarri, 60 anni

Nessuna anticipazione di formazione mentre i convocati verranno comunicati prima della partita: "Ma nel Cagliari tutti si devono sentire titolari"

15 aprile 2022
2 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. Walter Mazzarri non usa mezze misure in conferenza stampa, per presentare la partita contro il Sassuolo in casa (sabato 16, ore 12.30). Niente anticipazioni su formazione e su convocati. "Voglio una squadra concentrata, che compia meno errori possibili. Al di là di chi scende subito in campo, si devono ritenere tutti titolari. Nel corso della partita utilizzero tutti i 5 i cambi, perché chi entra è un titolare, importante come chi parte dall'inizio, talmente importante che può decidere la partita".

Niente tabelle, niente calendari a confronto. "Sapete tutti che io non guardo il calendario, non mi interessano le prossime partite _ dice subito _, io guardo partita dopo partita. Ora ci tocca il Sassuolo, un avversario difficile che fa delle ripartenze e dei break uno dei punti di forza. Segnano molto ma subiscono anche tanto? Guardate, a me interessa poco, quello che mi interessa è che alla fine della partita il Cagliari abbia fatto un gol in più del Sassuolo".

Di formazione manco a parlarne. "Qualcuno ha lavorato in differenziato durante la settimana, qualcuno risente di acciacchi vari. Spero di poter avere tutti a disposizione, compreso Bellanova. Se non ci sarà lui ci sarà un altro pronto e carico a dovere per dare il massimo".

La lista dei diffidati è lunga, invista del Genoa una preoccupazione in più. Mazzarri scuote la teta. "In campo scenderanno tutti decisi a dare il massimo. Della partita con il Genoa inizieremo a preoccuparci da domenica. Ora mi interessa il Sassuolo, cercare di vincere per respirare un po' in classifica".

Un campionato tribolato, per lui e per la squadra. "Solo nel girone d'andata abbiamo perso immeritatamente 4-5 punti. Quelli che mancano in questa classifica. Ma inutile guardare indietro, ci interessa solo il futuro. Per il quale mi uguro che qualche episodio finalmente giri dalla nostra parte, anche quello serve per arrivare al traguardo che stiamo inseguendo".

 

In Primo Piano
Il caso

Siniscola, Giovanni Bomboi dopo gli spari al Consorzio: «Ero esasperato, sono pentito. Non volevo ferire nessuno»

di Sergio Secci
Le nostre iniziative