La Nuova Sardegna

Sport

Tutto Cagliari
Calcio

Lapadula cecchino infallibile e il Cagliari sogna la serie A

di Enrico Gaviano
Lapadula cecchino infallibile e il Cagliari sogna la serie A

Con 15 reti all’attivo è il capocannoniere del campionato e sta trascinando i rossoblù sempre più in alto

20 marzo 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Cagliari I gol a ripetizione di Gianluca Lapadula spingono il sogno del Cagliari verso il traguardo massimo, il ritorno in serie A. I numeri del bomber italo-peruviano sono lì a testimoniarlo. Sinora 15 gol in 28 partite, con una media superiore a una rete ogni due gare. Un cammino che è diventato ancora più incisivo da quando sulla panchina del Cagliari si è seduto Ranieri. Il quale si coccola il suo bomber con parole di miele. «Gianluca si merita tutto questo, è un ragazzo d’oro». Felice anche il presidente Giulini che lo ha voluto a Cagliari.

Capocannoniere. I 15 gol hanno proiettato Lapadula al vertice della classifica dei cannonieri, agganciando il marocchino Cheddira, che ieri è rimasto all’asciutto nella gara persa dal suo Bari a Terni. Un risultato favorevolissimo al Cagliari che al momento ha nel mirino il terzo o il quarto posto, per evitare nei play off il turno preliminare al quale accedono le squadre classificate dal quinto all’ottavo posto. Fra l’altro, se si togliessero i gol segnati su calcio di rigore, Lapadula sarebbe avanti di due lunghezze rispetto a Cheddira. Ma di testa, di piede, o di rigore, quello che conta è che Lapadula sta facendo appieno il suo mestiere.

Girone di ritorno super. Lapadula ha messo il turbo nel girone di ritorno con Ranieri in panchina. Infatti nelle prime 19 giornate aveva segnato sette reti, sbloccandosi alla quinta giornata con il primo gol nella vittoriosa gara di Benevento. Nel girone di ritorno, invece, siamo già a 8 realizzazioni dopo 11 giornate. Con le perle delle doppiette segnate nelle ultime due gare contro Ascoli e e Reggina.

Carriera luminosa. Da vero giramondo del pallone, Lapadula, nato a Torino il 7 febbraio del 1990, ha calcato in in Italia i campi di tutte le categorie, dai dilettanti alla serie A. Nel suo palmares anche un’esperienza nel campionato di serie A slovena (con il Gorica nel 2013/14 segnò 11 reti). La sua migliore stagione resta quella di serie B del 2015/16 quando in totale mise a segno ben 30 reti. Un exploit che lo portò al Milan nella stagione successiva, dove peraltro non sfigurò di certo, visto che segnò 8 reti in 27 partite.

Bomber con la valigia. Attaccante girovago ma sempre con la mira da cecchino infallibile. In tutto infatti ha segnato sinora 160 reti con le varie maglie di club in cui ha militato-

La nazionale peruviana. Lapadula è anche una stella della nazionale del Perù, nazione di cui è originaria la madre. Chiamato nel 2020, ha risposto con entusiasmo. I tifosi lo chiamano “El bambino” per il suo viso molto giovanile. Poi però sotto rete salta fuori l’istinto del killer. Al momento il suo score è di 8 gol in 24 gare. L’amarezza l’estate scorsa, prima di approdare al Cagliari, quando la nazionale sudamericana fu eliminata dai mondiali allo spareggio con l’Australia. Decisivi i calci di rigore in cui però lui non fallì il suo. Ora il selezionatore Juan Reynoso lo ha chiamato per i prossimi impegni amichevoli che attendono la nazionale Albiroja. Il Perù sarà impegnato a Mainz contro la Germania il 25 marzo e tre giorni dopo a Madrid contro il Marocco in cui potrebbe ritrovare Cheddira.
 

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative