La Nuova Sardegna

Sport

Calcio

L’Olbia fa il colpo a Pesaro, la risolve Bellodi nel finale

L’Olbia fa il colpo a Pesaro, la risolve Bellodi nel finale

I bianchi soffrono nel primo tempo e rischiano più volte di capitolare. Nella ripresa la reazione e il gol che li fa volare

10 settembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Recanati E l’Olbia ora vola davvero: quella conquistata venerdì sera a Recanati con la Vis Pesaro (0-1) è la seconda vittoria su due dopo quella dell’esordio con il Cesena e i bianchi si ritrovano a punteggio pieno. Il “Tubaldi” è davvero un campo propizio per l’Olbia: ad aprile arrivò una vittoria che equivalse alla salvezza, ora i tre punti che consentono, per una notte, di assaporare un insperato primato solitario. gabriele Bellodi l’autore della rete decisiva grazie a un perentorio stacco di testa. Gara accorta e giudiziosa quella dei sardi allenati da Greco, che hanno cercato di contenere le sfuriate, generose ma talvolta confuse dei padroni di casa, e hanno poi punito gli avversari non appena se n’è presentata l’occasione. Non è stata beninteso una gara spettacolare, visto che si è badato molto di più alla sostanza che alla forma. La Vis sembra partire con il sangue negli occhi: su azione di rimessa laterale Sylla viene favorito da un rimpallo ma tempestiva e provvidenziale la chiusura di Rinaldi. Sfortunatissimo Mordini, in quello che fu il “suo” stadio: il laterale sinistro deve dare forfait per infortunio, al suo posto il giovane Montebugnoli. I ritmi scendono e l’Olbia si fa viva al 27’: discesa di Biancu, assist per Ragatzu che piazza il tiro a giro, una specialità della casa, magistrale Neri a tenere un pallone insidiosissimo. Sono i biancorossi di casa a mantenere una certa supremazia territoriale. Valdifiori serve Mamona che sgasa sulla destra, appoggia per Zoia che viene contratto in modo efficace da Dessena. All’intervallo dentro Karlsson e Iervolino: proprio l’islandese, servito di tacco da Pucciarelli, ha una buona chance ma la conclusione si perde nettamente sul fondo. Il copione non cambia: maggiore propositività dei pesaresi ma poca efficacia in avanti. Mister Simone Banchieri tenta di inserire forze fresche ma sono gli ospiti a sfiorare il gol: gran giocata di Ragatzu che appoggia per Arboleda, cross sul secondo palo sul quale c’è Cavuoti ma Neri è ben appostato e devia in angolo. Al 33’ la gara si sblocca: angolo di Ragatzu, stacca in beata solitudine Bellodi che da pochi passi insacca. Triplo cambio per Greco: l’Olbia sfiora il raddoppio con Incerti ma corre un rischio su un tiro al volo di Rossetti. Al triplice fischio scoppia la gioia assolutamente legittima, godendosi la vetta.

In Primo Piano
Trasporti

Il volo Napoli-Alghero cancellato nella notte, Ryanair lascia i passeggeri a terra

di Enrico Carta
Le nostre iniziative