La Nuova Sardegna

Sport

Basket

La Dinamo Women si gioca tutto nella tana delle Lupe. Ivana Raca: «Vogliamo andare avanti»

di Antonello Palmas

	<strong>Ivana Raca</strong> fuoriclasse serbo-cipriota della Dinamo Women
Ivana Raca fuoriclasse serbo-cipriota della Dinamo Women

A1 femminile. Sabato 20 aprile le ragazze biancoblù affrontano in trasferta le venete a San Martino di Lupari per un posto nei playoff. Il coach Antonello Restivo: «O noi o loro».

18 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari «Sarà una partita all’ultimo respiro, perché ci si gioca l’ingresso ai playoff: o noi o loro». Così il  coach delle Dinamo Women, Antonello Restivo, presenta il match della sua squadra in programma sabato 20 aprile alle 20.30 in casa del LupebasketSan Martino di Lupari. Un vero spareggio per accedere all’ultimo posto disponibile per i playoff dell’A1 femminile di basket, le due squadre hanno gli stessi punti: chi vince prosegue (Sassari sarebbe ottava e affronterebbe Venezia nei quarti, le venete sarebbero settime).

«Anche Il fatto della forma secondo me in una sorta di finale si azzera - dice Antonello Restivo -, dobbiamo eseguire quello che andremo a preparare, loro saranno molto aggressive e le ragazze dovranno essere più dure mentalmente. Queste partite sono speciali, si vincono mentalmente anche quando si fanno o subiscono dei parziali, un po’ come abbiamo fatto con Faenza. Spero che le ragazze vivano questa partita come un evento importante della loro carriera».

 La fuoriclasse serbo-cipriota Ivana Raca: «Ci aspetta una grande partita, l’ultima chance per i playoff, dimostrando che la nostra stagione non si ferma qua ma può ancora proseguire, dobbiamo restare unite. Sono mentalmente pronta alla difesa dura su di me, anche nelle ultime partite ero preparata a questo, so che è così. La mia capacità deve essere quella di adattarmi e farmi aiutare dalle mie compagne e aiutare loro. È l’ultima partita della regular season, ma vogliamo proseguire il nostro campionato».

In Primo Piano
Il dossier

Top 1000, un’isola che si batte e cresce nonostante tutto

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative