Porto Rotondo riapre le porte

Il teatro Ceroli

Il festival al via il 13 luglio: al Ceroli gli spettacoli Cedac e i film, nlla chiesa di San Lorenzo i concerti

PORTO ROTONDO. Il borgo ha riaperto le sue porte. L’estate più difficile di sempre è cominciata e così Porto Rotondo riuscirà anche a regalare a turisti e comunità locale una lunga serie di eventi musicali. L’edizione 2020 del Portorotondo Festival prenderà il via il 13 luglio e proseguirà fino a settembre. In cabina di regia, come ogni anno, ci sono il Consorzio di Porto Rotondo, presieduto da Leonardo Salvemini, e la Fondazione Porto Rotondo, guidata dal conte Luigi Donà dalle Rose, con il contributo della Regione e il patrocinio del Comune di Olbia. Per via delle restrizioni legate alla pandemia gli organizzatori sono stati costretti a studiare una formula nuova che, come location, privilegerà la chiesa di San Lorenzo.

Si partirà dunque il 13 e il 14 luglio con il duo Katalis, con il flautista catalano Anton Serra Pujadas che proporrà produzioni studiate per il festival spaziando dalla musica barocca al repertorio del Novecento. Il 20 e il 21 luglio spazio al jazz con la l’apprezzata voce di Alessia Martegiani, accompagnata dal chitarrista Maurizio Di Fulvio. Il Duo Rossini, capitanato dal virtuoso Simone Onnis, primo sardo a esibirsi alla Carnegie Recital Hall di New York, sarà protagonista nelle sere del 27 e del 28 luglio. Il 3 e il 4 agosto spazio a Moses (foto), il genio dell’armonica vincitore di Italia’s Got Talent.

Invece il 10 e l’11 agosto toccherà al violinista Davide Alogna insieme al duo Lualò, mentre il 17 e il 18 sarà la volta di Maria Giovanna Cherchi, portabandiera del canto sardo in tutto il mondo: la prima sera presenterà i suoi ultimi lavori e il giorno dopo proporrà il repertorio tradizionale. Si proseguirà poi il 24 e il 25 con la fisarmonica di Franco Corda e il 1° settembre con il flautista Giuseppe Nova. In programma, al teatro Mario Ceroli, anche diverse proiezioni di film promosse dal Cineteatro Olbia.

Tra le altre cose al teatro di Porto Rotondo, come voluto anche dall’assessorato comunale alla Cultura guidato da Sabrina Serra, sarà conclusa la stagione teatrale di prosa del Cedac: il 30 luglio lo spettacolo «È inutile a dire!» di Jacopo Cullin, il 23 agosto «I dialoghi degli dei», il 3 settembre «Barbablù» e il 10 settembre «La pianista perfetta».

Inoltre il Consorzio di Porto Rotondo sosterrà e ospiterà, il 9 agosto, una delle tappe del Time in Jazz di Paolo Fresu. Per assistere ai concerti nella chiesa di San Lorenzo, per via dei protocolli anti-Covid, bisognerà prenotare telefonando allo 0789 34114 oppure inviando una mail a info@fondazioneportorotondo.net.  

WsStaticBoxes WsStaticBoxes