«Con “Anna” anticipo il mondo dopo la pandemia da Covid-19»

ROMA. «Immaginiamo un mondo che non è mai esistito nella storia dell’umanità: un mondo in cui ci sono solo bambini. Qual è la loro strategia di sopravvivenza. Cosa fanno? Costruisco la narrazione su...

ROMA. «Immaginiamo un mondo che non è mai esistito nella storia dell’umanità: un mondo in cui ci sono solo bambini. Qual è la loro strategia di sopravvivenza. Cosa fanno? Costruisco la narrazione su questo aspetto; è quello che ho fatto con il mio libro» ha detto Niccolò Ammaniti parlando di “Anna”, la serie Sky Italia di cui oggi è stato rilasciato il teaser trailer.

La serie, come il libro pubblicato da Einaudi, è incentrata su una strana distopia biologica: «la storia si svolge quattro anni dopo una apocalisse causata dall’arrivo di un virus che si ritiene abbia colpito l’intera popolazione mondiale, uccidendo adulti e lasciando in vita i bambini. Questi bambini possono crescere fino alla pubertà, fino a quando non sviluppano diversi ormoni che attivano il virus. A quel punto moriranno, un po’ come con Covid-19 per insufficienza respiratoria», dice l’autore che al centro di tutto ha messo una ragazza di 13 anni in Sicilia. Secondo progetto televisivo di Ammaniti dopo “The Miracle”, “Anna”, scritta con Francesca Manieri, è attualmente al montaggio: le riprese sono state interrotte per l’emergenza sanitaria e riprese tornando in Sicilia. Prossimamente la messa in onda su Sky e Now Tv.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes