Matilda De Angelis regina a Sanremo

L’attrice rivelazione delle serie “The Undoing” sul palco dell’Ariston conduttrice insieme con Amadeus

ROMA. Emergere tra due che si chiamano Nicole Kidman e Hugh Grant non è male per cominciare una carriera internazionale, il Sunday Times le ha dedicato un ritratto come 'intensa rivelazionè di “The Undoing”, la serie Hbo su Sky Atlantic, come anche molte testate internazionali (da Harpers Bazaar alla bussola dei casting mondiali, Backstage che l'ha inserita tra i 20 talenti 2021) e ora Matilda De Angelis, dopo un esordio così, è in rampa di lancio. Non che in Italia non si fosse già fatta notare nel giro di pochi anni come una giovane promessa ma il momento d'oro dell'attrice bolognese è dimostrato dalla chiamata al festival di Sanremo: una serata da co-conduttrice con Amadeus.

«Mai chiamarmi su un palco. Non sapete cosa vi aspetta. Grazie Sanremo e Amadeus sono felice ed emozionata», ha scritto su Instagram postando un video girato nel 2019 in una piazza in cui lei improvvisa in uno spettacolo in strada una spaccata strappa applausi come quelli che subito dopo Andrea Delogu, Valeria Solarino, Giusy Buscemi, Francesca Michielin hanno scritto tra i tanti commenti entusiastici.

Nata a Bologna l'11 settembre 1995, cantante e musicista, è grazie a Matteo Rovere e a “Veloce come il vento” (2016) che si è fatta notare al cinema, grintosa e determinata come il ruolo della pilota Gt accanto a Stefano Accorsi che le è valso la candidatura ai David di Donatello, mentre in tv è “Tutto può succedere” il suo iniziale biglietto da visita. In quattro cinque anni passa da un set all'altro: “Una famiglia” di Sebastiano Riso (2017) accanto a Michaela Ramazzotti, “Il premio” di Alessandro Gassmann (2017), “Youtopia” di Berardo Carboni (2018), “Una vita spericolata” di Marco Ponti (2018) fino al recentissimo “L'incredibile storia dell'Isola delle Rose” diretto da Sydney Sibilia, bravissima accanto al protagonista Elio Germano. In tv, dopo essere stata anche Mariele Ventre nella miniserie Rai1 sullo Zecchino d'oro, è attesa su Rai1 nel kolossal internazionale in otto puntate su Leonardo, in onda nei prossimi mesi e nel nuovo flim di e con Sergio Castellitto “Un drago a forma di nuvola” (ex Il materiale emotivo) in un cast che comprende Bérénice Bejo e Nassim Lyes.

Magnetica, intensa, camaleontica Matilda De Angelis, shooting star Efa 2018, si propone anche come autentica. Il 15 dicembre un suo post su Instagram l'ha ulteriormente avvicinata al pubblico. «Accadono cose paradossali nella vita no? Bene per me essere un'attrice e lavorare con il volto mangiato dall'acne è una di queste – ha scritto sotto ad un primo piano inequivocabile – Ogni giorno devo svegliarmi e presentarmi prima davanti allo specchio e poi davanti alla macchina da presa con il carico emotivo che già comporta essere “splendida”insieme a tutte le mie paure e insicurezze, letteralmente a fior di pelle. Ci sono problemi più importanti, ma volevo condividere questa piccola verità per sentirmi più forte». E le sue foto con la maschera sui punti neri sono tra le più divertenti accanto ai ritratti per le tante copertine di questi mesi.



WsStaticBoxes WsStaticBoxes