Condannato il figlio di Vasco: «È una sentenza ingiusta»

ROMA. Nel settembre del 2016 causò un incidente a Roma ma invece di soccorre le vittime si allontanò. Per questo Davide Rossi, primo figlio del cantante Vasco, è stato condannato ad 1 anno e 10 mesi...

ROMA. Nel settembre del 2016 causò un incidente a Roma ma invece di soccorre le vittime si allontanò. Per questo Davide Rossi, primo figlio del cantante Vasco, è stato condannato ad 1 anno e 10 mesi di reclusione lesioni personali stradali gravi e omissione di soccorsa stradale.

Lo deciso il tribunale monocratico della Capitale che ha disposto per l'imputato anche la revoca della patente di guida. Il giudice ha inflitto 9 mesi per Simone Spadano, il trentenne che si trovava in auto con Rossi, accusato di favoreggiamento per avere dichiarato il falso affermando che era lui al volante al momento dell’incidente. «Sono amareggiato per la sentenza che mi sembra profondamente ingiusta – ha commentato il rocker di Zocca – perché sono state accolte solo le tesi dell’accusa. Sono convinto che Davide ha detto la verità e ho fiducia nella magistratura che, spero, ristabilirà in appello “la Verità”». Dal canto suo Davide si è detto «indignato. Oggi è morta la giustizia. C’era anche un cid firmato a testimoniare tutto, hanno preso i soldi dell’assicurazione, è veramente assurdo, non me lo spiego. Purtroppo penso che questo sia avvenuto anche perché mio padre è una persona in vista. Faremo sicuramente appello».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes