La Nuova Sardegna

Cinema

Il grande schermo si illumina nei paradisi delle piccole isole sarde

Fabio Canessa
Il grande schermo si illumina nei paradisi delle piccole isole sarde

Tavolara, La Maddalena, Carloforte e l’Asinara

13 luglio 2022
4 MINUTI DI LETTURA





Da Tavolara a Carloforte, dall’Asinara alla Maddalena. Le isole satellite della Sardegna sono pronte a trasformarsi nelle isole del cinema con le proiezioni e gli ospiti dei festival “Una notte in Italia”, “Creuza de Mà”, “Pensieri e Parole” e “La valigia dell’attore”. Da domani a fine luglio si concentrano le edizioni di quest’anno delle quattro manifestazioni che caratterizzano l’estate cinematografica dell’isola. I migliori film dell’ultima stagione da gustare in scenari magici, con la possibilità di incontrare grandi registi e gli interpreti più amati. Ad accomunare le rassegne l’attenzione a opere girate in Sardegna, a dimostrazione della qualità dei lungometraggi realizzati recentemente nell’isola.

TAVOLARA. Dopo l’anteprima di giugno con l’omaggio a Pasolini che ha avuto protagonista Neri Marcorè, il festival di Tavolara “Una notte in Italia” si apre domani alla Peschiera di San Teodoro con le prime immagini in esclusiva del film “La terra delle donne” sceneggiato e interpretato da Paola Sini con regia di Marisa Vallone. A seguire “I giganti” del sassarese Bonifacio Angius che è anche protagonista del film, presentato un anno fa in concorso a Locarno e molto apprezzato dalla critica. Mercoledì a Porto San Paolo sarà invece la volta di “Settembre”, esordio alla regia di Giulia Steigerwalt alla presenza della cantante e attrice Thony. Dal venerdì l’evento si sposta sull’isola di Tavolara, dove venerdì verranno proiettati il corto vincitore dell’ultimo David di Donatello, “Maestrale” di Nico Bonomolo, e il lungometraggio “Nostalgia” di Mario Martone presentato da uno dei protagonisti: Francesco di Leva. Sabato è atteso Silvio Orlando con “Ariaferma” di Leonardo Di Costanzo, il film girato all’interno dell’ex carcere di San Sebastiano a Sassari che gli è valso il David e il Nastro d’argento come miglior attore. A seguire il documentario “Una squadra”, esordio alla regia del produttore Domenico Procacci sulla straordinaria epopea della nazionale italiana di tennis che vinse la Coppa Davis nel 1976 in Cile. Domenica per la chiusura “Quattordici giorni” di Ivan Cotroneo alla presenza del regista, della produttrice Francesca Cima e dei due protagonisti: Thomas Trabacchi e Carlotta Natoli. (cinematavolara.it)

CARLOFORTE. Incentrato sul rapporto tra musica e cinema, suono e immagini in movimento, il festival “Creuza de Mà” animerà Carloforte dal 19 al 24 luglio. Ospite di spicco Giuseppe Tornatore con il pluripremiato “Ennio”, il documentario sul grande Morricone. Tra le proiezioni previste anche quella di “Boy” di Davide Ferrario introdotto per l’occasione dal musicista Mauro Pagani, di “Rigoletto 2020. Nascita di uno spettacolo” alla presenza della produttrice Francesca Cima e del live director Filippo Rossi, del docufilm “La macchina delle immagini di Alfredo C.” con il regista Roland Sejko, il montatore Luca Onorati e il compositore Riccardo Giagni. E ancora di “Bella Ciao – Per la libertà” con il quale Giulia Giapponesi ricostruisce origine e diffusione del canto partigiano e “Diabolik” dei Manetti Bros, alla presenza di Pivio che con Aldo De Scalzi ha composto le musiche dell’adattamento cinematografico del noto fumetto. In programma inoltre, anche a Carloforte, “I giganti” con ospite Bonifacio Angius. (musicapercinema.it)

L’ASINARA. In concomitanza con quello di Carloforte si svolgerà il festival “Pensieri e Parole”, all’Asinara dal 22 al 24 luglio. Tra gli ospiti della manifestazione, che si concentra sulla scrittura cinematografica, Valia Santella per presentare “Ariaferma” al quale ha lavorato come sceneggiatrice. Adattando il romanzo storico di Enrico Costa, ha scritto e poi diretto “Il Muto di Gallura” Matteo Fresi che introdurrà la proiezione del suo fortunato esordio. Atteso sull’isola anche Valerio Mastandrea con “Diabolik” dei Manetti Bros, il film basato sull’omonimo fumetto dove l’attore romano interpreta l’ispettore Ginko. (festivalasinara.it)

LA MADDALENA. A chiudere il giro dei festival delle isole del cinema sarà “La valigia dell’attore”, in programma alla Maddalena dal 26 al 30 luglio. Durante la rassegna, che approfondisce in particolare il mestiere della recitazione, viene come sempre consegnato il Premio Gian Volonté. Quest’anno doppio. Lo riceveranno infatti Alba Rohrwacher, con la proiezione del film “I cieli di Alice”, e Renato Carpentieri, che dopo la cerimonia del premio si potrà rivedere in azione in “Una storia senza nome” diretto da Roberto Andò. Tra gli ospiti anche Pif che presenterà “E noi come stronzi rimanemmo a guardare” e Andrea Arcangeli, protagonista del film “Il Muto di Gallura” che sarà accompagnato da altri due membri del cast: Fiorenzo Mattu e Andrea Nicolò Staffa. In programma anche “Ennio” per ricordare Morricone e il breve documentario, inedito in Italia, “Rosi about Eboli” girato dagli svedesi s Bjorn Blixt e Peter Englesson alla fine degli anni Settanta durante le riprese di “Cristo si è fermato a Eboli” di Francesco Rosi di cui ricorre il centenario dalla nascita. (lavaligiadellattore.com) 

In Primo Piano
Politica

Sassari, il primo discorso di Giuseppe Mascia: «È venuto il momento della responsabilità: le priorità sono lavoro e salute»

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative